X
<
>

L'ospedale Pugliese dove l'uomo si trova ricoverato

Tempo di lettura < 1 minuto

Tragedia sfiorata a Mesoraca: la vittima è stata colpita due volte all’addome ma non sarebbe in pericolo di vita

PETILIA POLICASTRO (CROTONE) – I carabinieri del Norm – Aliquota Operativa e Radiomobile della Compagnia di Petilia Policastro hanno tratto in arresto un uomo, S. M., nato a Mesoraca (KR) nel 1936, pensionato, censurato, ritenuto responsabile di aver sparato diversi colpi d’arma da fuoco al genero, G.S., nato a Mesoraca nel ’55. I fatti sono avvenuti attorno alle 11.20 circa nella piazza centrale del paese, dove il pensionato avrebbe esploso due colpi con una pistola “Beretta” semiautomatica cal. 7,65 con matricola abrasa, all’indirizzo del marito di sua figlia colpendolo due volte all’addome.

Il malcapitato è stato trasportato con l’elisoccorso presso l’ospedale civile di Catanzaro dove è stato ricoverato in prognosi riservata nel reparto di Chirurgia e dihciarato non in pericolo di vita. Le cause del gesto sono riconducibili a dissidi di natura privata in ambito familiare, protrattesi ormai da alcuni anni. I carabinieri hanno ritrovato i bossoli e la pistola abbandonata in un cestino dei rifiuti.

L’uomo è stato arrestato e detenuto presso la casa circondariale di Crotone con l’accusa di tentato omicidio, ricettazione, detenzione illegale e porto di arma clandestina, danneggiamento aggravato ed esplosioni pericolose. Le indagini sono ancora in corso per accertare eventuali ulteriori profili d’interesse.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares