X
<
>

Giuseppe Berardi

Condividi:

CATANZARO – Il tribunale del Riesame di Catanzaro ha scarcerato l’ex vicesindaco di Cirò Marina Giuseppe Berardi, arrestato il 9 gennaio scorso nell’ambito dell’operazione Stige che aveva portato in carcere 170 persone accusate di essere vicine a cosche di ‘ndrangheta del crotonese (LEGGI LA NOTIZIA SULL’OPERAZIONE).

Berardi, accusato di associazione mafiosa, è ritenuto dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro l’anello di congiunzione tra la politica e la cosca Farao-Marincola.

LEGGI DELLO SCONTRO TRA DUE UOMINI DEL CLAN PER LE ELEZIONI DI CIRÓ MARINA

L’ex vicesindaco di Cirò Marina si trovava in carcere a Voghera.

CLICCA PER SCOPRIRE TUTTI I CONTENUTI SULL’OPERAZIONE “STIGE”

Il Tribunale della Libertà ha deciso la scarcerazione dopo aver riesaminato gli atti a seguito dell’annullamento con rinvio operato dalla Cassazione.

GLI AFFARI DELLA COSCA: DITTE E INTERESSI 

Dopo l’udienza del 26 luglio, il riesame ha emesso oggi il provvedimento ed ha scarcerato Giuseppe Berardi senza disporre alcuna misura cautelare per l’ex vice-sindaco di Cirò Marina.

IL RETROSCENA SHOCK: TRAFFICO DI RIFIUTI SPECIALI DALL’ILVA DI TARANTO ALLA CALABRIA

Il Tribunale del riesame – seguendo il pronunciamento della Corte di Cassazione nonché le tesi della memoria difensiva depositata dagli avvocati Gianni Russano e Salvatore Staiano, in sede di primo riesame – ha stabilito che le motivazioni del Giudice per le indagini preliminari e del primo Riesame non avrebbero contenuto autonome valutazioni. 

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA