X
<
>

I migranti soccorsi dal personale della Croce Rossa

Tempo di lettura < 1 minuto

CROTONE – Due cittadini siriani, le cui generalità non sono al momento state fornite, sono stati sottoposti a fermo perché ritenuti gli scafisti dello sbarco avvenuto nella notte dell’1 settembre scorso a Crotone sulla costa adiacente “Torre Scifo” (LEGGI).

I provvedimenti di fermo sono stati adottati a seguito delle risultanze emerse dalle attività investigative svolte da personale della Squadra mobile di Crotone e della Guardia di finanza.

I 50 migranti, giunti a bordo di un veliero della lunghezza di circa 12 metri provenienti da Pakistan, Iran, Iraq, Somalia, Libia e Siria, dopo esser stati sottoposti ad una visita preliminare effettuata da personale sanitario della Croce rossa, munito di sistemi di protezione individuale e dalla quale non sono emerse particolari patologie contagiose, sono stati condotti nel Regional Hub Sant’Anna di Isola Capo Rizzuto.

Nella struttura di accoglienza i migranti sono stati sistemati in appositi spazi allo scopo di osservare il periodo di quarantena previsto dalle disposizioni anti Covid-19.

  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares