X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

CROTONE – Due poliziotti in forza al Reparto Mobile e impegnati nei servizi legati all’immigrazione sono risultati positivi al Covid-19 dopo essere entrati in contatto nei giorni scorsi con migranti minorenni ospitati nell’hotspot di Taranto. Altri dieci poliziotti sono in quarantena.

Uno dei due agenti positivi era stato nel frattempo mandato in servizio a Crotone, dove ora è in isolamento senza sintomi.

La notizia è stata riferita dai sindacati Mosap e Fsp Polizia. Dei 300 migranti sbarcati a Lampedusa e poi trasferiti a Taranto, oltre 30 minorenni erano risultati positivi.

Secondo Fabio Conestà, segretario generale del Movimento Sindacale Autonomo di Polizia (Mosap), «a farne le spese sono sempre gli uomini in divisa. La fallimentare gestione dell’emergenza immigrazione a livello centrale – aggiunge – non può ricadere sulle prefetture e, di conseguenza sulle forze dell’ordine che rischiano in prima persona e sottopongono a pericoli le rispettive famiglie».

«Restano da terminare gli approfondimenti – spiega Rocco Caliandro, Segretario provinciale Fsp Taranto – per capire se, in particolare, possa trattarsi della variante delta, di cui pure c’era un caso nell’hotspot, nonché attendere il completamento dello screening».

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA