X
<
>

Alcuni scambisti

Tempo di lettura 3 Minuti

CUTRO (CROTONE) – Una sfida da cogliere dal punto di vista promozionale e turistico, come invita a fare anche la nota attrice Malena che ricorda che in Europa così fan tutti, o una settimana di ordinaria follia in cui tuffarsi, all’insegna del motto “L’importante è divertirsi”, in base alle proprie “preferenze”?

Sono in arrivo a Steccato di Cutro 250 “scambisti” che, per la prima volta in Calabria, si raduneranno, nel primo weekend di caldo estivo, per dare vita a “Sex in sud”, una settimana di vacanza libertina e trasgressiva. Non vogliono essere chiamati “scambisti”, per la verità, termine che può suonare come dispregiativo; preferiscono essere definiti libertini, ma per lo più sono persone comuni, che nella maggior parte dei casi conducono vite normalissime e con uno status sociale medio-alto, e per le quali il tradimento, in quanto nasce da una profonda intesa, in realtà non è tale.

Il tabù sta per esser abbattuto anche in Calabria, meno disinibita rispetto ad altre regioni italiane. Per il loro evento annuale, una vacanza libertina, appunto, e naturista, che include anche lo “scambismo”, l’associazione non lucrativa “Gustose trasgressioni”, federata ad Assosex, stavolta ha scelto il litorale pitagorico. Sono sei anni che l’iniziativa itinerante si svolge nel Meridione, e di solito è la Campania ad essere prediletta, ma stavolta “Sex in sud” cambia location e si materializzerà in una struttura ricettiva nel Crotonese.

«Di solito scegliamo un periodo prima dell’inizio dell’estate per consentire agli albergatori di concederci la loro struttura interamente, per garantire la massima privacy ai nostri ospiti”, spiega Marcello, il presidente dell’associazione, indaffaratissimo nelle staffette per portare in hotel i turisti appena sbarcati all’aeroporto di Lamezia Terme e già impegnato a organizzare escursioni. Non sarà certo una vacanza tradizionale, però, e le gite un po’ in tutta la Calabria e i giochi di animazione saranno all’insegna dei doppi sensi e della goliardia, ma il clou sarà la sera.

Massima riservatezza e «niente sesso selvaggio», perché le coppie libertine faranno quello che vorranno in camera propria o in stanze dedicate, al riparo da occhi indiscreti, e il sole in spiaggia lo prenderanno in costume. Le donne al massimo in topless. Vengono da tutt’Italia, una piccola percentuale sono coppie calabresi, qualcuno anche dall’estero.

Sono soprattutto coppie che amano dedicarsi allo “scambio”, ricercando nuovi partner sessuali, ma «ci sono anche singoli e singole e transessuali – spiega sempre Marcello – Il nostro è un movimento libertino e pertanto c’è di tutto, c’è anche chi non preferisce “scambiarsi” e ama divertisi esibendosi o con approcci soft».

Una novità per la Calabria, perché «di solito bisogna andare all’estero, in quanto l’Italia, soprattutto il Sud, è ancora restio a questa tipologia di turismo, ma qualcosa si muove», spiega sempre Marcello, che non a caso come testimonial ha invitato Malena, stella dell’intrattenimento per adulti ed ex naufraga dell’Isola dei Famosi. Musa e attrice prediletta del celebre regista e produttore Rocco Siffredi, con cui è attualmente impegnata in Ungheria per le lezioni della “Siffredi Hard Academy”, la scuola di formazione per professionisti del porno e la cui serie a episodi è prodotta e trasmessa da Netflix Italia, «Malena viene dal nostro mondo e ritroverà vecchi amici», osserva Marcello con riferimento a un percorso iniziato nei club privé.

Sulla sua stessa lunghezza d’onda, Malena dice che «L’Italia è ancora indietro. Ci sono località come Cap d’Agde in Francia, oppure le Canarie e le Baleari in Spagna che, ogni estate, accolgono volentieri questa tipologia di turisti». La 35enne pugliese riflette sul fatto che proprio «in quei posti aprono nuovi locali, bar e ristoranti per chi ama questo genere di divertimento. Tra cui, tantissimi, sono proprio italiani. Con il romantico mare di cui è ricco il Sud, l’Italia dovrebbe entrare nel ventunesimo secolo e smettere di sciupare opportunità: in Europa già lo fanno».

La Calabria, secondo questa scuola di pensiero, si mette al passo con l’Europa, dunque. Anche perché 250 turisti un po’ di economia la muoveranno, nel Crotonese e non solo. Intanto, per l’ultima serata è in programma l’elezione di miss Sex in Sud. Non finisce qui. Perché c’è anche Sex in Nord e si punta a intrusioni erotiche perfino nelle vacanze termali.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares