Lo stadio Ezio Scida

Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 Minuti

CROTONE – Buone notizie per il Crotone Calcio. Il Tar, infatti, ha accolto l’istanza della società di calcio e del Comune di Crotone contro il ministero per i Beni Culturali e di conseguenza potrà giocare senza problemi allo stadio Ezio Scida le prossime partite del campionato di Serie B.

La decisione, come detto, è stata assunta dal Tar della Calabria che ha accolto i ricorsi presentati da Fc Crotone e Comune contro il Ministero dei beni culturali che, attraverso il soprintendente archeologico della Calabria, Mario Pagano, aveva disposto la rimozione delle tribune modulari di Curva Sud e Tribuna coperta in quanto avrebbero causato danni ai reperti archeologico sottostanti.

Nel dettaglio, il Tar, pronunciandosi sulla questione, ha confermato le motivazioni che avevano già indotto a sospendere l’efficacia degli atti della Soprintendenza il 18 settembre 2018 e a permettere al Crotone di giocare lo scorso campionato di Serie B all’Ezio Scida.

I giudici amministrativi hanno rilevato il corretto iter intrapreso sia dall’ente che dalla società sportiva ribadendo come le strutture insistano su un’area con vincolo indiretto, in quanto limitrofa a quella dove risiederebbero i reperti archeologici ed ha evidenziato il fatto che non esiste documentazione che confuti anche parzialmente gli studi presentati dalla società a dimostrazione della mancata compromissione del sottosuolo. La sentenza accoglie quindi definitivamente i ricorsi promossi contro il Mibac rispettivamente da FC Crotone, rappresentata dagli avvocati Sandro Cretella ed Elio Manica, e dal Comune di Crotone, rappresentato dall’avvocato Vincenzo Di Baldassarre.

Soddisfazione per la decisione del Tar è stata espressa dal sindaco di Crotone, Ugo Pugliese.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •