Salta al contenuto principale

Bcc Mediocrati, confermati i vertici
«Nel 2011 attivo di oltre 2 milioni»

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

MONTALTO UFFUGO (CS) – L'assemblea dei soci della Bcc Mediocrati, riunitasi in seduta ordinaria a Montalto Uffugo, ha rinnovato le cariche sociali confermando la propria fiducia al consiglio di amministrazione uscente, guidato dal presidente Nicola Paldino.   Il presidente Paldino ha ottenuto 2520 voti, contro i 261 del suo avversario, Raffaele Cosenza. Il vice presidente vicario, Mario Mancuso, dopo 21 anni di attività amministrativa, ha salutato l’assemblea ricevendo un caloroso applauso di commiato. Insieme a lui, lasciano la carica di amministratore i soci Luigi Aiello, Armando De Bonis e Carmelo Puterio. Al loro posto sono stati eletti i soci Franca Caputi Migliarese, Andrea Di Donna, Massimo Rizzo e Roberta Straface. 

Una novità femminile anche nel Collegio Sindacale nel quale la professoressa Olga Ferraro subentra a Gerardo Ciconte.   «La crescita della Banca – ha affermato il presidente Nicola Paldino – è evidenziata dalla capacità di attrarre sempre maggiori e qualificate risorse in seno alla compagine sociale.  Nel 2011 abbiamo acquisito una ex Bcc in stato di liquidazione, salvando 32 posti di lavoro e garantendo migliaia di clienti in un’ottica di solidarietà territoriale e di sistema. Nonostante le nutrite e gravose attività straordinarie realizzate, non abbiamo mai perso di vista l’esigenza di assicurare redditività all’azione istituzionale. Grazie alla competenza e alla dedizione dei dirigenti e collaboratori, infatti, il 2011 si è chiuso con un attivo di oltre 2 milioni di euro. Un risultato smagliante che permette alla Bcc di proseguire nella propria opera di robusto sostegno al territorio».   

«Anche nel corso dell’anno precedente – ha aggiunto – pur in presenza di una crisi sempre più profonda, la Bcc Mediocrati non ha fatto mancare il credito alle famiglie e alle imprese, attivando ogni possibilità di finanziamento a beneficio del territorio, migliorando anche il ristorno ai soci».   Il montante (raccolta complessiva + impieghi totali) sfiora, ormai, il miliardo di euro (937 milioni), facendo registrare un aumento del 37,39% rispetto al 2010. Il patrimonio di vigilanza al 31 dicembre 2011 è pari a 64.693.072 euro (56.799.271,55 nel 2010). Ma la crescita coinvolge tutta la Banca in ogni sua espressione. Al 31/12/2011 le filiali sono 17 (+41,67%) e il numero dei dipendenti è salito a 124, con un aumento del 31.91%.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?