Salta al contenuto principale

Ferrovie turistiche in Calabria
per utilizzare le tratte dismesse

Calabria
Chiudi

Un treno delle Ferrovie della Calabria

Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 29 secondi

DURANTE  la seduta della Commissione Trasporti alla Camera dei Deputati si è tenuta l'audizione informale della Regione Calabria per istituire ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico o archeologico.

L’assessore regionale alle Infrastrutture e ai trasporti Roberto Musmanno e il direttore generale di Ferrovie della Calabria Giuseppe Lo Feudo hanno apprezzato i contenuti della proposta di legge che, evidenzia una nota della deputata Enza Bruno Bossio, «potrà divenire un valido strumento di valorizzazione del nostro patrimonio, sostenibile sia dal punto di vista ambientale che economico, oltre che un importante impulso al turismo, senza contare l’abbattimento dei costi di mantenimento delle linee in degrado. Infatti, diversamente dal resto dell'Europa, dove il settore è già regolamentato, in Italia questo è ancora affidato a presidi territoriali e ciò rende difficile la gestione delle risorse».

Nello specifico del territorio calabrese, le due linee ferroviarie pertinenti la proposta sono la Ferrovia Silana, in  provincia di Cosenza, e le Linee Taurensi, nel Reggino, proprietà della Regione e affidate a Ferrovie della Calabria Srl.

Secondo quanto evidenziato, si è auspicato, come suggerito dai rappresentanti regionali, che la norma sia estesa ad un generico "ente proprietario", cosicché possa riguardare anche le ferrovie calabresi. Infatti la proposta di legge, per come è attualmente scritta, riguarderebbe esclusivamente quelle di proprietà di Rete Ferroviaria Italiana SpA e Ferrovie dello Stato SpA.

«Una condizione, quella delle ferrovie calabresi, comune del resto anche ad altre ferrovie storiche italiane - afferma Bruno Bossio - quindi la correzione di questa norma avrebbe carattere generale. E’ stata inoltre sollecitata la previsione di un contributo statale per l'esercizio o una qualsiasi altra forma di finanziamento stabile al fine di integrare i ricavi dalla gestione delle ferrovie turistiche».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?