Salta al contenuto principale

A Reggio Calabria il meeting dei tour operator tedeschi

«Il turismo come motore di uno sviluppo sostenibile»

 

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Reggio Calabria
Tempo di lettura: 
2 minuti 36 secondi

REGGIO CALABRIA - Si è aperto stamani, a Reggio Calabria, il 68esimo Meeting della Deutscher Reiseverband, l'associazione dei tour operator tedeschi, che ha portato in Calabria oltre 600 delegati e che ha a tema «Pensa globale! Il turismo come motore di uno sviluppo sostenibile».

All’iniziativa hanno partecipato il presidente della Regione Mario Oliverio, il ministro federale per la cooperazione e lo sviluppo economico della Germania Gerd Müller e l’ex presidente del parlamento europeo e deputato del Bundestag Martin Schulz. Sia con Müller che con Schulz il presidente Oliverio si è intrattenuto in colloqui cordiali. «Quando, più di un anno fa, abbiamo deciso di candidare la Calabria come sede del 68esimo meeting annuale della Federazione tedesca del turismo - ha detto Oliverio presentando la regione agli ospiti tedeschi - sapevamo che sarebbe stata una sfida importante, che avrebbe richiesto investimenti e sforzi notevoli. Questo evento è un’occasione per rafforzare i già solidi rapporti tra il nostro paese e la Germania che è il più importante interlocutore sul piano degli scambi economici e commerciali, non solo dell’Italia ma anche della Calabria. La nostra regione è la 'longa manus' dell’Europa proiettata nel cuore del Mediterraneo. L’attenzione verso la Calabria è in crescita».

«La Calabria - ha aggiunto Oliverio - è la Magna Grecia, terra di antichi miti che hanno segnato la storia dell’umanità: Ulisse, Scilla, Cariddi, Milone, la Fata Morgana. E’ la terra dei Bronzi di Riace, il più entusiasmante ritrovamento archeologico marino del '900. Musei come quello di Reggio Calabria ed ancora di Sibari e di Locri, che insistono sull'area archeologica, sono ricchi di testimonianze delle radici della nostra storia. Un passato che non dimentica Pitagora, con cui dobbiamo fare i conti tutti i giorni. Rimasta ai margini delle rotte turistiche di massa, la Calabria oggi è "l'altra Italia" ancora da scoprire».

Ad introdurre i lavori del congresso degli operatori turistici tedeschi, moderati dalla giornalista de La Repubblica Tonia Mastrobuoni, è stato il presidente DRV Norbert Fiebig che ha voluto sottolineare come il congresso si tenga per la prima volta in Italia e come sia stata «una ottima scelta la Calabria, regione che ha tanto da offrire» invitando i delegati a dare il proprio contributo per comunicarne le bellezze.

Nel corso degli incontri, il presidente della Regione, Mario Oliverio, ha affermato: «Il nostro obiettivo è la destagionalizzazione del turismo puntando a settori di nicchia come quello religioso ed enogastronomico. In questa direzione abbiamo indirizzato molti bandi e investito risorse importanti per la valorizzazione dei borghi, allo scopo di incrementare il turismo invernale residenziale. C'e' una rete di piccoli imprenditori calabresi che operano nel settore, molto capaci, che puntano sull'eccellenza e con loro ci impegneremo a migliorare la qualità delle strutture alberghiere. Dalla Calabria - ha proseguito - partono collegamenti aerei con 16 città tedesche. Dall'inizio dell'anno fino allo scorso mese di settembre abbiamo avuto 230mila viaggiatori dalla Germania. Ora, anche attraverso questo meeting, puntiamo ad aumentare la presenza turistica. Siamo la regione prima in Italia in relazione ai turisti che ritornano. L'anno scorso la presenza di quelli tedeschi è cresciuta del 17%. E' nostro interesse - ha concluso il presidente Oliverio - consolidare sempre di piu' questo rapporto».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?