Salta al contenuto principale

Il comune di Cosenza conia la "sua" moneta

Ecco i Bruzi: grandi come 2 euro ne valgono 20 euro

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
I Bruzi, la moneta coniata dal comune di Cosenza
Tempo di lettura: 
2 minuti 0 secondi

COSENZA - Si chiama “Bruzi”, è poco più grande della moneta da 2 euro e ha impressa su, per quest’anno, l’effigie di Federico II di Svevia. È la nuova moneta in argento coniata dal Comune di Cosenza per sostituire il tradizionale buono spesa natalizio destinato alle famiglie in condizioni di disagio. Ogni moneta vale 20 euro (20 bruzi) e ogni famiglia potrà riceverne al massimo cinque, per un valore complessivo, quindi, di 100 euro.

Tutto dipenderà dal numero di richieste: se si attesteranno sul migliaio, come lo scorso anno, il budget stanziato di 100mila euro consentirà di riconoscere a tutti il buono massimo da 100 euro. Se le richieste saliranno, la somma scenderà a 80 euro. Le monete potranno essere spese negli esercizi commerciali che aderiranno all’iniziativa nella città di Cosenza e saranno valide fino al 30 novembre del 2019.

I commercianti a loro volta potranno chiederne il rimborso al Comune dal primo luglio del prossimo anno fino al 31 dicembre.

Le monete restituite saranno poi rifuse per realizzare quelle del Natale 2019 e recuperare così in buona parte i costi sostenuti quest’anno per coniarle (circa 20mila euro, dicono da Palazzo dei Bruzi).

«È un’iniziativa sperimentale che in futuro potrebbe anche essere estesa – dice l’assessore ai Tributi Lino Di Nardo – È un modo per incrementare la circolazione monetaria all’interno del comune e per affermare un principio: il valore alle monete lo dà chi le riceve, non chi le emette». Nelle scorse ore il settore Welfare ha pubblicato gli avvisi pubblici che faranno partire l’iniziativa. Il primo è finalizzato alla concessione del beneficio, quindi rivolto ai nuclei familiari in condizioni di disagio socio-economico, mentre il secondo servirà a individuare gli esercizi commerciali presso i quali sarà possibile spendere le monete.

«Per beneficiare del contributo – si legge in una nota del Comune – il nucleo familiare che ne farà richiesta dovrà risiedere nel Comune di Cosenza e attestare un reddito Isee anno 2018 (riferito all’intero nucleo familiare), con valore della situazione economica equivalente fino a 1000 euro».

Il modulo è disponibile sul sito del Comune di Cosenza (www.comune.cosenza.it) nella sezione “Bandi di gara in scadenza e Avvisi”, ma può essere ritirato presso l’Urp o l’Ufficio Porta Sociale del Comune di Cosenza.

La domanda va presentata entro il 4 dicembre 2018 all’ufficio protocollo, allegando la certificazione Isee e il documento di riconoscimento del richiedente. Anche per gli esercizi commerciali che vogliono aderire all’iniziativa la scadenza è fissata al 4 dicembre 2018.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?