Salta al contenuto principale

Siglato il protocollo del Patto per la crescita della Calabria

Unicredit, Unical e Unindustria puntano sull'interconnessione

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Giuseppe Passarino, Giuseppe Verde, Gino Crisci e Natale Mazzuca
Tempo di lettura: 
2 minuti 17 secondi

COSENZA - Si cercano strade alternative per favorire la crescita della Regione e in quest'ottica rientra il "Patto per la crescita della Calabria", un protocollo d’intesa siglato tra UniCredit, Università della Calabria e Unindustria Calabria, che mira a supportare le aziende del territorio e favorire l'interconnessione tra imprese, mondo accademico ed i talenti per sostenere la ripresa in atto in Calabria.

L’obiettivo «è stimolare la nascita di nuovi progetti imprenditoriali giovanili, in particolare legati ad Industria 4.0, e - spiega una nota - di favorire l’interconnessione tra aziende, mondo della ricerca e spin off universitari, con l'impegno delle parti a favorire la riqualificazione di competenze, a supportare le aziende della regione nella realizzazione di investimenti e a sostenerle nel loro percorso di crescita».

La giornata ha registrato il saluto di Gino Mirocle Crisci, rettore dell’Università della Calabria, e gli interventi di Natale Mazzuca, presidente di Unindustria Calabria, di Giuseppe Verde, Area Manager retail Calabria Nord di UniCredit, che ha illustrato i contenuti del «Patto per la crescita della Calabria», e di Giuseppe Passarino, delegato alla Ricerca e al Trasferimento Tecnologico Università della Calabria che ha sottolineato l’importanza del trasferimento tecnologico come leva per far nascere ed evolvere il sistema economico. Ha moderato i lavori Antonio Riccio, Territorial Development & Relations Sud di UniCredit.

«Siamo particolarmente soddisfatti - ha detto Crisci - del rapporto che la nostra università sta instaurando, ormai da diverso tempo, con il mondo dell’imprenditoria e del credito, lo considero uno dei massimi successi del mio percorso da rettore. Investire nelle potenzialità dei giovani, negli spin off che nascono all’interno dell’Unical e che si aprono al territorio è uno dei segreti per favorire la crescita di tutta la regione».

«In un momento di grande difficoltà - ha affermato Mazzuca - la firma di un protocollo con il sistema dell’alta formazione e con quello bancario è da salutare con favore, soprattutto per un territorio che ha importanti potenzialità. Occorre lavorare insieme per migliorare le prospettive economiche di tutti, avendo a cuore lo sviluppo del territorio. Non chiediamo assistenzialismo ma opportunità».

«Con la firma di oggi - è scritto nella nota - continua l'impegno di UniCredit al Sud, con l’obiettivo di promuovere, insieme al sistema delle imprese e delle università, azioni rivolte ad un più facile accesso al credito, a supportare i giovani e le start up, a favorire l’internazionalizzazione, l'innovazione delle Pmi e l’inclusione sociale».

«UniCredit - ha concluso Verde - mette a disposizione delle aziende del territorio strumenti innovativi ed iniziative specifiche allo scopo di sostenerne la competitività e di agevolarne l’accesso al mercato dei capitali. Obiettivo dell’accordo firmato oggi è inoltre quello di promuovere la sinergia tra gli attori del territorio, come fattore propulsivo di sviluppo».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?