Salta al contenuto principale

Protesta Lsu Lpu, c'è l'emendamento ma non i soldi

Sale lo scontro nel Governo per i lavoratori calabresi

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
La protesta a Lamezia
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
3 minuti 36 secondi

COSENZA - Ora non resta che aspettare. I sindaci, i 4500 lavoratori, i sindacati sono in attesa che dalla sala della commissione Bilancio del Senato arrivi la tanto attesa buona notizia. La speranza c’è tutta anche se le cronache politiche non lasciano grande ottimismo. C’è uno scontro strisciante fra il Movimento 5 Stelle e la Lega che è emerso chiaramente con la bocciatura, da parte della Lega, dell’emendamento sull’ecotassa e al bonus auto non inquinanti.

Il problema è sempre lo stesso cioè i quattrini da trovare. Viste le ristrettezze si profila un vero e proprio braccio di ferro fra le due parti del contratto che rischia di travolgere pericolosamente i lavoratori calabresi che la Lega vede come fumo negli occhi.

L'ULTIMA PROTESTA NEL COSENTINO E LE DIMISSIONI DEL SINDACO

La parte positiva della giornata deriva dal fatto che finalmente i 5 Stelle hanno presentato un emendamento dedicato agli ex Lsu/Lpu. L’emendamento porta la firma di 14 senatori, ma curiosamente nessun calabrese. Il concetto centrale dell’emendamento sono le deroghe «ai limiti - si legge nell’emendamento - previsti dalle leggi vigenti che stabiliscono la capacità assunzionale in relazione al turn over, per il superamento del precariato».

Sempre per questo unico obiettivo l’emendamento prevede poi che «nell’ambito della programmazione ordinaria del fabbisogno del personale [...] per il triennio 2019-2021 possono altresì derogare il contenimento delle spesedi personale con riferimento al valore medio del triennio precedente».

Insomma l’emendamento contiene le tanto attese deroghe alle norme che oggi disciplinano le assunzioni nella Pubblica amministrazione. Quello che invece non prevede sono gli stanziamenti finanziari necessari poi a pagare gli stipendi ai lavoratori una volta stabilizzati. Anche questo è un aspetto importante visto che un piccolo comune che ha 30/40 precari da stabilizzare difficilmente troverà le risorse proprie. E’ quanto sottolinea la Cgil Calabria.

«Emendamento della maggioranza Lsu Lpu Calabria insufficiente per la soluzione della vertenza di tutti i 4500 lavoratori - si legge in una nota - Servono le coperture economiche per le proroghe dei contratti. Purtroppo l'emendamento proposto dalla maggioranza su Lsu Lpu fa riferimento al comma 224 solo per la proroga, non per la copertura economica del finanziamento "originario". Tant'è che la proroga diventa triennale».

«Le risorse - spiega il segretario generale Angelo Sposato - fino a prova contraria sono solo quelle previste dalle assegnazioni ministeriali (86 milioni x le 4 annualità.. i circa 21 milioni della convenzione). L' emendamento non armonizza la normativa vigente, non agisce quindi da combinato disposto. La copertura finanziaria prevista, sono le assegnazioni ministeriali della Convenzione con la Regione, destinate solo alla stabilizzazione e non per le proroghe, per come invece si era impegnato il Governo attraverso il Ministro Barbara Lezzi».

L’altro emendamento presentato è quello di Ernesto Magorno. «Coerentemente al lavoro fatto dai deputati Pd alla Camera - ha detto il senatore di Diamante - oggi ho presentato in commissione Bilancio l'emendamento necessario per consentire al bacino di ex Lsu e Lpu di proseguire il percorso di stabilizzazione avviato dai precedenti Governi attraverso il ripristino dei finanziamenti nazionali e la previsione di deroga per le assunzioni ai piani di fabbisogno triennali . Abbiamo appreso con soddisfazione degli impegni che il ministro Lezzi ha assunto con il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, e ribaditi dal presidente Conte ai sindacati e ai lavoratori calabresi, ma ora siamo a un punto di non ritorno, per cui le intenzioni devono trovare uno sbocco formale: ecco perché ci auguriamo che il nostro emendamento venga approvato o, in alternativa, la maggioranza ne presenti un altro coerente».

E’ ovvio che le speranze che questo emendamento venga approvato siano vicine allo zero. Ma il vero problema è capire cosa succederà all’emendamento dei 5 Stelle. Intanto i segretari delle federazioni calabresi (Guglielmelli, Insardà, Murgi, Cuda e Puccio) scrivono che il tempo delle parole è finito «da settimane stiamo assistendo a uno sconcertante gioco delle parti messo in scena dal Governo e dai parlamentari calabresi di Lega e 5stelle. Gli impegni verbali da parte di ministri, eletti e finanche il presidente Conte sono tutti improntati alle rassicurazioni, poi nelle aule parlamentari le parole si sgonfiano. Agli atti, rimane allo stato solo la temeraria iniziativa del Governo che ha sottratto i fondi nazionali necessari per le stabilizzazioni».

In commissione si voterà anche oggi e poi il testo passerà all’esame dell’aula. I lavoratori assisteranno al dibattito con una serie di iniziative di protesta sul territorio.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?