Salta al contenuto principale

Un calabrese al vertice della Cassa Centrale Banca

Spagnuolo è il vicepresidente dell'organo nazionale

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Giuseppe Spagnuolo
Tempo di lettura: 
2 minuti 14 secondi

CATANZARO - Si è svolta a Milano l’assemblea dei soci di Cassa Centrale Banca – Credito Cooperativo Italiano, primo gruppo bancario cooperativo operativo a partire da inizio anno dopo la riforma del 2016.

L’assemblea ha nominato all’unanimità i 15 amministratori per il triennio 2019-2021, di cui dieci sono espressione delle banche affiliate, uno è un rappresentante esterno e quattro sono gli indipendenti: Giorgio Fracalossi presidente, Mario Sartori amministratore delegato, Carlo Antiga, Enrica Cavalli, Giuseppe D’Orazio, Giuseppe Graffi Brunoro, Amelio Lulli, Giorgio Pasolini, Giuseppe Spagnuolo (presidente Credito Cooperativo Centro Calabria), Livio Tomatis, Claudio Ramsperger, Paola Brighi, Maria Luisa Di Battista, Paola Vezzani, Enrico Macrì. E’ nato così il primo consiglio di amministrazione della storia del nuovo gruppo bancario Cassa Centrale, gruppo che si colloca all’ottavo posto a livello nazionale.

Il nuovo cda rappresenta 84 banche di credito cooperativo con operatività su tutto il territorio nazionale, 11 mila dipendenti, 1.500 filiali, 72 miliardi di attivo, 45 miliardi di impieghi lordi e 6,7 miliardi di patrimonio netto. Per la formazione della governance, oltre ai requisiti di professionalità e competenza previsti dalla normativa specifica per i singoli candidati eletti, sono stati seguiti criteri di rappresentanza territoriale e di solidità delle banche di provenienza. Quanto alla rappresentanza delle aree territoriali, su dieci amministratori espressione delle banche cooperative due sono del Trentino, due sono del Nord-Est, due del Nord-Ovest, due del Centro e due del Sud.

La Calabria ha fatto segnare la sua importante e qualificata rappresentanza all’interno del board del nuovo gruppo con l’elezione all’unanimità dei Giuseppe Spagnuolo, stimato professionista di lungo corso nel mondo bancario, presidente del Credito Cooperativo Centro Calabria, piccola banca locale che da oltre 27 anni opera con ottimi risultati nelle province di Catanzaro e Cosenza. Ma il successo della Calabria non si ferma qui; infatti, il primo consiglio di amministrazione della capogruppo, riunitosi al termine dell’assemblea, ha altresì attribuito a Giuseppe Spagnuolo la carica di vice presidente del gruppo bancario, in affiancamento all’altro vice presidente Carlo Antiga, vicario.

«La nomina a vice presidente di Cassa Centrale Banca – Credito Cooperativo Italiano, ottavo gruppo bancario nazionale – ha detto Spagnuolo - è un traguardo che mi riempie di orgoglio, con la consapevolezza delle responsabilità che siamo chiamati ad amministrare in particolare in questa fase di avvio del gruppo. Lo considero un grande riconoscimento del buon lavoro svolto alla guida della banca che rappresento e della lunga esperienza maturata in ambito bancario e nel mondo della cooperazione. Credo che sia anche il risultato della credibilità e dell’affidabilità costruite negli anni dalla nostra cooperativa di credito. Non posso che ringraziare, perciò – ha concluso il neo vive presidente di Cassa Centrale Banca - chi ha creduto nella mia persona e nel contributo che potrò apportare».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?