Salta al contenuto principale

Oltre 115 milioni per viabilità e rischio idrogeologico

Assegnati i primi dieci a Catanzaro, Vibo e Reggio

Calabria
Chiudi

Gli uffici della Regione

Apri
Didascalia Foto: 
La cittadella regionale
Tempo di lettura: 
1 minuto 27 secondi

CATANZARO - In arrivo una pioggia di milioni di euro per la viabilità e la "mitigazione del rischio idraulico e idrogeologico". A darne notizia è la Regione Calabria che ha precisato che «nei giorni scorsi sono state sottoscritte le prime convenzioni» relative alla legge Finanziaria 2018 Piano degli investimenti per l'Annualità 2019.

La nota precisa che «oltre a vari comuni della Regione interessati dalle ordinanze del Capo Dipartimento della Protezione Civile sono destinatarie di assegnazione di risorse consistenti le Amministrazioni Provinciali di Catanzaro, Vibo Valentia e la Città Metropolitana di Reggio Calabria».

Nel dettaglio e con riferimento al solo anno 2019, l'investimento è di 2 milioni e 300 mila euro per la provincia di Catanzaro (di cui 2 milioni e 100 mila destinati alla viabilità e 200 mila alla ri-funzionalizzazione dei canali), di 2 milioni e 150 mila euro per la provincia di Vibo Valentia (di cui 750 mila per la viabilità e 1 milione e 400 mila per il consolidamento dei versanti in frana) e 5.007.070,60 euro per la Città Metropolitana di Reggio Calabria (di cui 4.507.070,60 per la viabilità e 500 mila per il consolidamento dei versanti in frana). Il tutto fatto salva la possibilità che possano registrarsi nel prossimo futuro delle «variazioni in aumento».

Complessivamente nei tre anni l'investimento, come detto, sarà di circa 115 milioni di cui circa 3 milioni saranno assegnati alla provincia di Catanzaro, circa 14,5 milioni alla provincia di Vibo Valentia e circa 27 milioni alla città Metropolitana di Reggio Calabria.

Infine, «al fine di provvedere tempestivamente alla realizzazione degli investimenti strutturali ed infrastrutturali finalizzati alla mitigazione del rischio idraulico e idrogeologico nonché all'aumento del livello di resilienza delle strutture e infrastrutture colpite dagli eventi calamitosi è stato chiesto espressamente alle amministrazioni destinatarie di detti contributi di procedere con celerità alla realizzazione degli interventi, stante la necessità di registrare impegni giuridicamente vincolanti entro il prossimo 30 Agosto».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?