Salta al contenuto principale

Hitachi, stabilimento Reggio Calabria sarà ampliato

Il nuovo investimento comunicato al sindaco

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Uno dei treni prodotti da Hitachi a Reggio Calabria
Tempo di lettura: 
1 minuto 21 secondi

REGGIO CALABRIA - Il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, ha incontrato una delegazione della Hitachi, uno stabilimento della quale é operativo nell’area industriale di Torre Lupo.

Rosario Falanga, Consolato Fabio Caccamo e Filippo Penna, rispettivamente Operation veicol, Planet manager e Planning dell’industria giapponse, hanno illustrato al sindaco Falcomatà, secondo quanto riferisce una nota stampa del Comune, «il progetto di ampliamento dello stabilimento reggino che prevede, fra le altre cose, una ristrutturazione radicale della sala prove e della sala mensa dei dipendenti. Un piano di ammodernamento del sito che, quindi, andrà anche ad incidere e migliorare la zona sud della città, già interessata dai lavori di riqualificazione del Parco Lineare e dalla realizzazione della nuova strada "Ex Omeca-San Gregorio" ormai proiettata verso la fase di gara d’appalto, e che all’azienda darà l'opportunità di implementare il numero di commesse, continuando a fornire lavoro qualificato al territorio».

«É con vivo interesse - ha detto il sindaco Falcomatà - che accolgo la rinnovata attenzione di Hitachi verso lo sviluppo economico della città. Voler ampliare ed ammodernare le proprie strutture è segno di vivacità, di un’azienda che non lesina sforzi e non si accontenta, proiettando nel futuro sforzi e aspettative dell’intero comparto produttivo. Reggio Calabria tutta deve comprendere l’importanza di avere nei propri confini una grande multinazionale che ha deciso di investire in un settore chiave per l’economia cittadina. Allo stesso modo, anche Hitachi deve potersi sentire pienamente a casa propria quando pensa alla città di Reggio Calabria. Le due cose devono per forza di cosa coesistere e, vicendevolmente, ognuna con le proprie peculiarità, caratteristiche e competenze, operare per il bene collettivo».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?