Tempo di lettura 2 Minuti

COSENZA – L’Anas ha reso noto che sono stati consegnati all’Associazione temporanea di imprese Vidoni S.p.A.-Consorzio Stabile Grecale, con sede a Tavagnacco (Udine), i lavori di adeguamento della strada statale 534 “di Cammarata e degli Stombi”, tra lo svincolo autostradale di Firmo dell’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria e lo svincolo di Sibari della strada statale 106 “Jonica”. 

“Il progetto esecutivo del ‘megalotto 4’ – ha ricordato il presidente Pietro Ciucci – è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione dell’Anas nella seduta del 28 ottobre scorso e, a distanza di pochi giorni, abbiamo consegnato i lavori”. 
“Prende il via – ha proseguito Pietro Ciucci – uno dei cantieri cruciali per l’ammodernamento del collegamento tra l’autostrada A14 ‘Adriatica’ e l’autostrada A3 ‘Salerno-Reggio Calabria’, ovvero tra la Calabria e la Puglia, che risponde all’esigenza di innalzare gli standard di sicurezza dell’arteria stradale interessata da alti volumi di traffico”. L’intervento in esecuzione consiste nell’adeguamento dell’attuale sede della statale 534 “di Cammarata e degli Stombi” con due carreggiate separate e due corsie per senso di marcia, per una lunghezza di circa 14 km. Le principali opere del progetto sono rappresentate dall’ammodernamento degli svincoli esistenti con intersezioni a livelli sfalsati e da alcune opere d’arte maggiori, quali il nuovo viadotto a scavalco della strada provinciale 174 per Saracena, il viadotto “Coscile” e l’opera di scavalco della linea ferroviaria ‘Sibari-Cosenzà. Il nuovo tratto stradale si collegherà ai lavori di costruzione della strada statale 106 “Jonica” – Megalotto 3, tratto compreso tra l’innesto con la SS534 e ‘Roseto Capo Spulicò, già appaltati e in fase di progettazione. “L’ultimazione dei lavori del ‘megalotto 4’ – ha concluso il Presidente dell’Anas – è prevista per la fine di dicembre 2015”. 
L’importo complessivo dell’intervento ammonta a oltre 143 milioni di euro ed è interamente finanziato con i fondi Pon ‘Reti e Mobilità 2007-2013’ del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •