X
<
>

Tempo di lettura 3 Minuti

COSENZA – 4 ore e 55 minuti era il tempo che impiegava a giugno 2020 il Frecciargento delle sei e mezza (06:28) da Villa San Giovanni a Roma, costo 64,90 euro. 5 ore e 37 minuti era il tempo che impiegava a giugno 2020 il Frecciarossa delle sette e mezza (07:18) da Villa San Giovanni a Roma, costo 64,90 euro. 6 ore e 4 minuti è il tempo che impiega il 29 settembre 2020 il Frecciarossa delle sette (06:51) da Villa San Giovanni a Roma, costo economy standard 70,90 euro.

E’ accaduto che da Salerno a Roma ci sono due linee ferroviarie: una dritta sulla quale viaggia l’alta velocità/alta capacità; la seconda è invece a forma di arco. Napoli centrale è al centro di questo arco immaginario e dall’altro lato c’è la stazione di Afragola. Il vecchio Frecciargento arrivava ad Afragola, poi svoltava verso Napoli, tornava ad Afragola e riprendeva la linea ad alta velocità. Questa operazione comportava un tempo calcolabile in circa una quarantina di minuti.

La Regione Calabria, quando era Governatore Mario Oliverio, ha insistito molto per convincere Trenitalia ad eliminare il giro da Afragola a Napoli visto che fra le due stazioni ci sono dei treni ogni quindici minuti e che l’utenza calabrese che va a Napoli è molto ridotta rispetto a quella che arriva fino a Roma. Così i Frecciargento da Villa a Roma andavano dritti per Afragola ottenendo tempi sotto le 5 ore. C’è da aggiungere che il servizio riusciva anche a richiamare molta utenza della vicina Messina e dintorni. I residenti di Messina per andare a Roma impiegavano meno tempo e soprattutto meno soldi prendendo il Frecciargento a Villa San Giovanni piuttosto che un aereo da Catania. Per questi motivi si stava pensando di mettere un terzo treno Frecciargento da Villa a Roma.

Nonostante tutto questo a settembre Trenitalia ha deciso di tornare all’antico e i tempi di percorrenza sono aumentati, come detto, di circa un’ora. Non solo ma ha deciso di fare un altro regalo ai calabresi quello cioè di sostituire i Frecciargento con i Frecciarossa, convogli più comodi e performanti ma che costano di più. Per questo il risultato finale di tutta questa operazione è che i calabresi oggi per arrivare a Roma impiegano un’ora in più e pagano circa il 10% in più il costo del biglietto. Forse è un record unico nella storia del trasporto ferroviario il fatto che aumenta il tempo di percorrenza e aumenta anche il costo.

Da Giugno a Settembre, considerando i treni della mattina, il tempo tra Villa e Roma è aumentato di più di 1 ora se si confrontano Frecciargento e Frecciarossa, ed è aumentato di mezzora per il Frecciarossa. Il prezzo è aumentato del 10%. Stando solo al Frecciarossa ad un incremento di tempo del 10% corrisponde un incremento di costo del 10%. Ma nessuno ha detto nulla o quasi. Così come nessuno ha messo sul piatto il confronto fra il Villa-Roma e il Roma-Milano. La distanza ferroviaria è di circa 600 km sulla Roma-Milano ed è la stessa o poco più sulla Roma-Villa. Il piccolo particolare è che il Frecciarossa delle sei e mezza del 29 settembre 2020, da Milano a Roma impiega 3 ore e 10 minuti: metà del tempo del Roma-Reggio. Grosso modo stessa distanza, grosso modo tempo doppio. E ci fermiamo qui perchè se volessimo affondare il colpo dovremmo scrivere anche che recentemente sul CorSera si dava notizia del fatto che il nuovo Frecciarossa 1000 impiega tra Roma e Milano 2 ore e 20 minuti.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares