X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

Si svolgerà mercoledì 22 giugno, alla Prefettura di Napoli, un incontro tra il prefetto Gerarda Pantalone, il questore Guido Marino e i rappresentanti dell’Ordine dei giornalisti della Campania e del Sugc (Sindacato unitario giornalisti campani) per affrontare il tema della tutela della stampa nello svolgimento dell’attività di informazione.
L’incontro arriva a qualche giorno dall’ultima aggressione subita da video operatori a Ponticelli, teatro di un duplice omicidio di camorra.
“Siamo sotto attacco – ha affermato Claudio Silvestri, segretario Sugc – Napoli è un territorio ad alta densità criminale e chiediamo che siano messi in campo protocolli che tutelino il diritto di cronaca della categoria”.
In occasione della discussione, sarà chiesto al Prefetto e ai vertici delle forze dell’ordine – come spiega Ottavio Lucarelli, presidente dell’Ordine campano – che “per ogni evento riguardante la cronaca nera, ma non solo, ci siano servizi coordinati a tutela e garanzia dei giornalisti, dei fotografi e degli operatori”. Inoltre, i rappresentanti di categoria chiederanno la costituzione di un tavolo permanente di coordinamento in Prefettura a cui ha aderito anche la Fnsi.
“La Fnsi – ha sottolineato il presidente Giuseppe Giulietti – parteciperà con la preoccupazione di garantire chi fa davvero il mestiere di informatore e per definire le modalità di protezione delle zone a rischio e le modalità di riconoscibilità e riconoscimento degli operatori”.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares