Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto

CATANZARO – Per le Province non c’è più tempo. Si chiude, e questa volta senza ulteriori tentennamenti. Il Consiglio dei Ministri, infatti, ha esaminato, in via definitiva, su proposta del Presidente del Consiglio, Enrico Letta, del vicepresidente e Ministro dell’Interno, Angelino Alfano, del Ministro per le Riforme costituzionali, Gaetano Quagliariello e del Ministro per gli Affari regionali e Autonomie, Graziano Delrio, un disegno di legge costituzionale per l’abolizione degli enti intermedi che è stato sottoposto al parere della Conferenza unificata. 

Il provvedimento di modifica della Costituzione disciplina l’abolizione delle province istituite nell’ambito del territorio delle regioni a statuto ordinario, recependo così un’istanza, largamente sentita e oramai giunta a maturazione, che mira al riordino del riparto di competenze fra livelli di governo a fini di razionalizzazione e di contenimento della spesa pubblica, ma anche di conseguimento di un’efficacia sempre maggiore dell’azione amministrativa negli enti territoriali. Quando il processo di modifica della Costituzione giungerà a compimento verranno anche individuate forme di aggregazione e di coordinamento fra comuni per l’esercizio di funzioni di governo di cosiddetta “area vasta”. Viene attribuito allo Stato il compito di definire, tra l’altro, anche il territorio delle città metropolitane.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •