Salta al contenuto principale

L'Appello manda le carte alla Corte Costituzionale
Graziano resta consigliere regionale, Gallo attende

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 44 secondi

CATANZARO - Nuovo colpo di scena nella vicenda che vede coinvolti l'attuale consigliere regionale Giuseppe Graziano e l'ex consigliere regionale Gianluca Gallo in relazione al seggio, attualmente di Graziano eletto nelle liste della Casa della libertà, in seno all'assemblea di palazzo Campanella contestato all'indomani delle elezioni regionali del maggio 2015. Dopo che il tribunale civile aveva dato ragione a Gallo (LEGGI LA NOTIZIA) pur non disponendo la decadenza di Graziano, adesso la corte d'Appello di Catanzaro, cui Graziano si era appellato, sospende l'esito del giudizio confermando al suo posto rimane consigliere regionale.

Secondo quanto appurato la Corte d'appello ha, infatti, accolto l'eccezione di incostituzionalità della legge sui termini, utilizzata da Gallo per contestare l'elezione, sospendendo il giudizio e trasmettendo gli atti al giudice delle leggi.

Gallo aveva sostenuto ineleggibilità di Graziano per non aver rispettato i tempi per l'aspettativa pre-elettorale dal Corpo forestale dello Stato. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?