Salta al contenuto principale

Regione: trecentomila euro per chi gestisce
un bene confiscato ai clan di 'ndrangheta

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 42 secondi

CATANZARO - La Regione Calabria ha deciso di stanziare trecentomila euro, provenienti dal Bilancio regionale, agli imprenditori che gestiscono beni confiscati alla criminalità organizzata. Ad annunciarlo, nel corso di una conferenza stampa a Catanzaro, é stato il dirigente del Dipartimento Agricoltura della Regione, Carmelo Salvino, secondo il quale «la somma, anche se non ingente, costituisce un segnale importante degli intenti dell’Amministrazione regionale, che vanno palesemente e concretamente contro la criminalità organizzata».

I beni in questione consistono, prevalentemente, in terreni sottratti alla 'ndrangheta che sono gestiti da cooperative o aziende agricole, «soggetti scelti - ha aggiunto Salvino - dall’Agenzia nazionale per i beni confiscati».

Al fondo stanziato dalla Regione Calabria si potrà accedere attraverso uno sportello attivo dal 21 marzo fino ad esaurimento della cifra. «Per ora la cifra é questa - ha spiegato Salvino - ma nel Psr 14/20 sarà prevista una premialità in termini di punteggio per i progetti presentati da chi gestisce beni confiscati. Per il futuro, inoltre, stiamo valutando la possibilità di far accedere ai fondi Pac direttamente i gestori di questi beni».

Secondo Arturo Bova, presidente della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio regionale della Calabria, «la nebulosa che avvolge i beni confiscati è tale da rendere necessaria una nuova legge, alla quale, anche se solo per quel poco che compete alla Regione, sto lavorando da qualche tempo. Nella nuova normativa dovrà essere previsto che i patrimoni provenienti da sequestri e confische alla 'ndrangheta, che finiscono nel Fondo unico per la giustizia, oggi distribuito in parti uguali in tutta Italia, vengano destinati per il 50% ai territori di provenienza, così da rendere la confisca un valore aggiunto per la collettività. La nuova legge, prevedendo la redistribuzione economica dei beni nei territori colpiti dalle cosche, sarebbe di grande sostegno per lo sviluppo del territorio».

«Se il settore dell’agricoltura - ha dichiarato il consigliere regionale Mauro D’Acri - è il più importante per la Calabria, deve esserci una maggiore attenzione ai terreni confiscati alla 'ndrangheta. Per questo motivo l’istituzione di questo fondo è un chiaro segnale in direzione della lotta alla criminalità organizzata».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?