Salta al contenuto principale

Lotta alla 'ndrangheta, Gratteri parla all'Unical
«La partita è in pareggio, la politica deve muoversi»

Calabria
Chiudi

Nicola Gratteri

Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 52 secondi

RENDE (COSENZA) - «Fanno più paura quattro terroristi che non diecimila 'ndranghetisti. Questo perché gli 'ndranghetisti convivono con la società e le istituzioni. Due terroristi terrorizzano un intero popolo. Il terrorismo è sempre sopravvalutato».

Lo ha detto Nicola Gratteri, nominato procuratore di Catanzaro, parlando agli studenti del Master in Intelligence organizzato all’Università della Calabria da Mario Caligiuri, docente dell’ateneo. «Non sono un esperto di terrorismo - ha detto ancora Gratteri - ma so per certo che ho più problemi a lavorare con la polizia belga che con la polizia sudamericana, perché l’Europea è una comunità bancaria, è unita solo da una moneta, dal punto di vista della sicurezza è un encefalogramma piatto. Secondo me la criminalità organizzata, la 'ndrangheta non ha interessi ad avere a che fare con il terrorismo, piuttosto, sfrutta il fatto che le forze dell’ordine si concentrano su altro».

«A mio giudizio stiamo solo pareggiando la partita contro la 'ndrangheta, non vincendo, perché la presenza di una mafia sul territorio non si capisce dalle denunce, ma dagli umori dei commercianti - ha spiegato ancora Gratteri - in questi ultimi anni lo Stato sembra stia avendo grossi successi nei confronti della lotta alla mafia e in particolare della 'ndrangheta, ma io che ci lavoro dal di dentro non riesco a dirvi che stiamo vincendo la battaglia. Non perché sono pessimista ma perché è importante che tutti abbiano la consapevolezza di cosa siano le mafie e che potere hanno».

Difficile anche il rapporto con la politica:«Abbiamo proposto una riforma del sistema - ha aggiunto il neo procuratore di Catanzaro - ma rimane da chiedersi perché la riforma non venga discussa. Abbiamo modificato tutta la parte sull'agenzia dei beni confiscati che, secondo noi deve stare a Roma, perché deve interagire on-line con tutti i ministeri e si deve insediare presso la sede del Consiglio dei Ministri. Deve essere presieduta da un manager, che capisce di economia e il sequestro deve essere gestito da una sezione specializzata del tribunale, in modo che siano sempre dei giudici a seguire il percorso di quel bene, dalla confisca all’assegnazione. Il valore del bene, poi, va tutelato e per questo assegnato prima che si degradi. Servono tante e piccole modifiche normative, che abbiamo già proposto. Qualsiasi modifica, però, non deve intaccare il livello di garanzia dell’imputato, perché in nessun caso un assassino o un mafioso deve poter fare la parte della vittima. Le modifiche devono servire a far diventare non conveniente delinquere».

Altre questioni: «Basta con caserme intitolate a Falcone o Borsellino. Falcone in vita era combattuto. Poi un miracolo, giovani nati decenni dopo la sua morte, parlano di lui, e di Borsellino, questo vuol dire che c'è una fetta di società che ha il senso della giustizia. Allora, tutti i corvi devono cavalcare l’onda e cominciano a intitolare qualsiasi cosa a Falcone e Borsellino».

E poi: «I palazzi della mafia - ha aggiunto Gratteri - costruiti in zone sismiche, con materiali depotenziati, non possono diventare scuole o caserme, dobbiamo abbatterli e costruire strutture sicure. Bisognerebbe investire nella scuola e istituire il tempo pieno. Le associazioni antimafia sono diventate business. Gente che non ha mai lavorato, sta vicino ad un magistrato per qualche tempo, poi va nelle scuole e la sua diventa una professione. Ho sempre detto alle istituzioni di prendere i soldi che dovrebbero dare ai progetti antimafia, metterli insieme e fare il doposcuola. Questa è la vera antimafia, sottrarre i ragazzi alla criminalità».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?