Salta al contenuto principale

Convocato il Consiglio regionale su tasse e infanzia

Nuovo sistema di rateazione dei tributi regionali

e la nascita in Calabria della figura dei Tagesmutter

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 42 secondi

REGGIO CALABRIA - Torna a riunirsi il Consiglio regionale. La massima assemblea della Calabria aprirà i lavori martedì 28 giugno a partire dalle 15 con all’ordine del giorno ben 19 punti tra proposte di legge (6) e provvedimenti amministrativi (13).

Tra le varie cose che l'assise dovrà esaminare è prevista la Proposta di Legge di iniziativa del Consigliere Sinibaldo Esposito recante: "Modifiche alla legge regionale 2 maggio 2001, n. 10 (Medicina dello sport e tutela sanitaria delle attività motorie e sportive)", che avrà come relatore il consigliere Michele Mirabello. Di seguito, inoltre, la Proposta di Legge n.72/10 di iniziativa della Giunta regionale recante: «Modifiche alla legge regionale 16 maggio 2013, n. 25 - Attribuzione all’Azienda Calabria Verde della funzione di supporto alla Protezione civile regionale» (relatore Giuseppe Aieta); la Proposta di Legge n.144/10 di iniziativa della Giunta regionale sulle: "Modifiche all’articolo 11 della legge regionale 16 maggio 2013, n. 25 (Istituzione dell’Azienda regionale per la forestazione e le politiche della montagna - Azienda Calabria Verde - e disposizioni in materia di forestazione e di politiche della montagna", relatore ancora una volta Giuseppe Aieta.

Il consiglio avrà anche l'onere di esaminare delle modifiche alla legge sui servizi educativi alla prima infanzia che mira ad attivare il servizio di Tagesmutter anche in Calabria. Si tratta di un servizio che consente «di affidare in modo stabile e continuativo i propri figli ad operatori educativi appositamente formati che professionalmente, in collegamento con organismi della cooperazione sociale, forniscono educazione e cura a uno o più bambini di altri presso il proprio domicilio o altro ambiente adeguato ad offrire cure familiari».

Tra i provvedimenti amministrativi spiccano i Piani di classifica dei Consorzi di bonifica calabresi e alcuni provvedimenti inerenti il rendiconto dell'esercizio finanziario 2015 dell'ufficio di presidenza del Consiglio.

Altro elemento in discussione particolarmente interessante riguarda la predisposizione di una riforma del sistema di rateazione dei debiti tributari nei confronti della Regione Calabria. La nuova proposta di legge mira «ad aumentare le possibilità di riscossione delle poste creditorie dell'Ente adeguando perso il sistema alle esigenze dei cittadini». Nella pratica si passa da un sistema in cui si «prevede la possibilità di accesso al beneficio per i soli debiti superiori ai 2.000 euro e senza differenziazioni legate alle fasce di reddito del nucleo familiare, al numero di componenti dello stesso e alle fasce di debito» ad un sistema in cui si potranno rateizzare per un massimo di 72 rate e per importi che partono da un minimo di 200 euro per le persone fisiche e da un minimo di 800 euro per le persone giuridiche.

IL DATO - Dal punto di vista statistico, si rileva che nel 2014 e 2015 sono stati emessi avvisi tributari per poco meno di 220 milioni di euro, di cui 210 milioni per le sole tasse automobilistiche, con un tasso di riscossione dei tributi gestiti direttamente dalla Regione pari al 13% degli avvisi tributari emessi. In base ad alcune proiezioni su base statistica, si stima che gli avvisi di giugno del corrente anno saranno circa 350.000, interesseranno circa 800.000 veicoli ed il totale accertato ammonterà ad euro 210.000.000. Si stima che la dilazione di pagamento dei tributi da parte dei contribuenti beneficiari avrà un impatto finanziario a valere sul bilancio regionale in termini di maggiori entrate accertate, migliorando di fatto gli equilibri di finanza pubblica, ed aumentando di conseguenza anche il tasso di riscossione dei tributi regionali. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?