Salta al contenuto principale

Casali del Manco, i cittadini vogliono il Comune unico

al referendum dei 5 centri cosentini prevale il Sì per l'unione - LA SCHEDA

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Una scheda per il referendum
Tempo di lettura: 
3 minuti 8 secondi

COSENZA - I cittadini della Presila dicono Sì al comune unico. Il referendum consultivo che ha interessato cinque comuni della fascia presilana (Spezzano Piccolo, Casole Bruzio, Pedace, Trenta e Serra Pedace) prevedeva un quesito relativo alla fusione dei citati cinque comuni e la successiva eventuale scelta del nome, nelle opzioni di “Casali del Manco” e “Villa Brutia”. Dei cinque enti locali chiamati al voto soltanto Spezzano Piccolo ha deciso di dire No alla fusione degli enti locali, “rivendicando” così la sua identità territoriale.

LA SCHEDA - ECCO L'ITER DA SEGUIRE: ORA TOCCA ALLA GIUNTA E AL CONSIGLIO REGIONALE

Una campagna elettorale, quella portata avanti dai fronti pro fusione e quelli contrari ad essa, non senza qualche scintilla. Molteplici i comizi nelle piazze dei comuni interessati che, spesso, hanno trovato continuazione sui social network, ormai visti come estensioni dei luoghi fisici che un tempo erano luogo di dibattiti e sani confronti. Nella stessa giornata i cittadini di Ricadi hanno, invece, partecipato ad un referendum che ha bocciato l'idea di cambiare il nome del paese, aggiungendo anche Capo Vaticano (LEGGI).

Se il fronte del Sì ha portato avanti il tema della possibilità di poter affrontare il futuro insieme, coesi e con maggiori possibilità di attingere a fondi regionali per lo sviluppo della zona sita tra l’area urbana e l’altopiano silano, il fronte del No ha puntato alla pancia dell’elettorato, parlando di possibili perdite delle identità dei borghi e di possibilità economiche non così fiorenti come pronosticate dal fronte del Sì.

Una netta scissione tra coloro i quali sostengono e hanno sostenuto partiti e movimenti politici per il Sì, con gli stessi partiti e movimenti che hanno palesato le loro intenzioni in questa campagna elettorale mentre, dall’altra parte, a dar man forte al No sono stati quelli che negli anni hanno sostenuto e/o formato liste civiche anche se, nel caso del comune di Pedace, anche l’ultima lista civica ha palesato la sua intenzione di voto favorevole alla fusione. Non bisogna dimenticare, però, da dove è partito tutto questo. Circa un lustro fa, infatti, un’iniziativa popolare prendeva il nome di “Movimento Presila Unita”. Una raccolta firma nei comuni interessati palesò la chiara voglia di cambiamento dai parte dei cittadini, raccogliendo al tempo circa tremila consensi tra i cittadini.

Nei comuni di Spezzano Piccolo, Pedace, Trenta e Serra Pedace il numero di firme necessario alla proposta di atto deliberativo era definito, mentre nel comune di Casole Bruzio non prevedeva ciò ma si arrivò a ciò tramite la proposta in consiglio comunale di tre consiglieri del tempo.

Tredici ore di voto, dalle otto alle ventuno, per conoscere la volontà di cinque comuni così vicini tra loro. Alle 21:05 l’arrivo dei primi dati. Spezzano Piccolo ha chiuso con 959 su 2061 che corrisponde al 46,5% degli aventi diritto al voto, Trenta ha chiuso con 991 su 2437 che corrisponde al 40,5% degli aventi diritto al voto, Casole Bruzio ha chiuso con 1305 su 2361 che corrisponde al 55,3% degli aventi diritto al voto, Pedace ha chiuso con 930 su 1850 che corrisponde al 50,2% degli aventi diritto al voto, Serra Pedace ha chiuso con 450 su 1086 che corrisponde al 41,4% degli aventi diritto al voto. Spezzano Piccolo ha visto vincere il No con 481 voti, il Sì si è fermato a 471 e 7 schede bianche. Trenta ha visto vincere il Sì con 760 voti, il No si è fermato a 224, con 4 schede bianche e 4 nulle. Pedace ha visto vincere il Sì con 702 voti, il No si è fermato a 213 voti, con 17 schede nulle e 8 bianche. Casole Bruzio ha visto vincere il Sì con 652 voti, il No si è fermato a 642, con 11 schede tra bianche e nulle. Serra Pedace ha visto vincere il Sì 321 voti, il No si è fermato a 128, con schede 2 nulle. Una vittoria, nel complesso, schiacciante per il Sì con 2906 voti, con il No che si è fermato a 1688 voti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?