Salta al contenuto principale

Sanità, Oliverio prova a scuotere Gentiloni e Lorenzin

«Serve intervento urgente per sbloccare assunzioni»

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Il Ministro Lorenzin con Mario Oliverio, Urbani e Scura
Tempo di lettura: 
1 minuto 26 secondi

CATANZARO - Mario Oliverio scuote ancora la sanità calabrese nella bagarre, che dura da mesi, con il commissario per il piano di rientro dal debio sanitario, Massimo Scura. Il presidente della Regione ha confermato la sua posizione con una lettera ufficiale indirizzata al Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni ed al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

Le parole sono di fuoco: "Esprimo fortissime preoccupazioni per la grave situazione determinatasi nelle strutture ospedaliere e sanitarie della Regione Calabria - afferma Oliverio - a seguito della impossibilità di procedere alle assunzioni del personale medico e sanitario destinato, in particolare, ai servizi di pronto soccorso e di emergenza ed urgenza". L'ultimo scontro a distanza tra Oliverio e Scura risale a pochi giorni fa, quando il presidente della Regione ha emesso un decreto per sbloccare le assunzioni (LEGGI), mentre Scura ha ribadito la propria competenza in matera (LEGGI). Ad inizio giugno, invece, Oliverio si era già rivolto al Ministro Lorenzin affinché si potessero sbloccare le assunzioni (LEGGI), senza ricevere però alcuna risposta. Anzi, pochi giorni dopo lo stesso Ministro aveva nominato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, commissario della sanità nella sua regione, lasciando invece in sospeso il possibile incarico per Oliverio in Calabria.

In piena estate, il governatore della Calabria è tornato all'attacco, affermando: "L'aumento di popolazione, che caratterizza la stagione estiva e l'organizzazione dei turni di lavoro anche in relazione ai riposi obbligatori ed al periodo di ferie del personale, contribuiscono a determinare una vera e propria emergenza sanitaria".

Una condizione di emergenza, dunque, che ha spinto Oliverio a chiedere "immediato e risolutivo intervento al fine di autorizzare il piano delle assunzioni del personale medico e sanitario e garantire le condizioni minime di funzionamento dei servizi sanitari".

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?