Salta al contenuto principale

Sanità, Oliverio rilancia sul nuovo ospedale di Cosenza

«Sito entro il 31 dicembre, la gara deve partire il 2 gennaio»

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Mario Oliverio durante la presentazione del progetto del nuovo ospedale
Tempo di lettura: 
2 minuti 40 secondi

COSENZA - Dopo la dura presa di posizione sul commissariamento della sanità calabrese durante l'inaugurazione dell'ospedale di Praia a Mare (LEGGI LA NOTIZIA) il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, torna a parlare di sanità e strutture ospedaliere e lo approfondendo il quarto appuntamento di presentazione dello studio di fattibilità del nuovo ospedale di Cosenza organizzato dalla Camera di commercio cosentinae svolta presso la sala-convegni dell’ente camerale. «Entro il 31 dicembre - ha annunciato Oliverio - sceglieremo il sito dove realizzare il nuovo ospedale Hub. E il 2 gennaio deve partire la gara, perché abbiamo la necessita di utilizzare le risorse già destinate per la realizzazione del nuovo ospedale».

Il presidente della Regione ha chiarito che «i siti individuati sono tre. La nostra posizione è nota, il sito di Vagliolise secondo noi è il più idoneo. Il gruppo di progettisti ha lavorato in modo oggettivo, senza condizionamenti di sorta e ora dobbiamo chiudere velocemente con la scelta del sito, sebbene queste iniziative sono positive perché contribuiscono a rendere più larga la consapevolezza della scelta più idonea che bisogna assumere. La mia posizione è nota, ma non per questo deve essere la prevalente. Qualunque sia la scelta dobbiamo pensare ad un sito che possa prevedere un’espansione futura. Infine, realizzato l’ospedale, l’Annunziata dovrà diventare la cittadella sanitaria, dove confluiranno tutti i servizi diagnostici del territorio, per i quali oggi l’Asp paga 800 mila euro di fitto all’anno».

«Il nostro obiettivo - ha aggiunto  Oliverio - è quello di poter realizzare entro tempi relativamente brevi e senza alcun intoppo una struttura moderna, accessibile e tecnologicamente avanzata, per garantire la centralità del bisogno e della domanda dei pazienti. Vogliamo realizzare insomma, un ospedale hub di qualità, un presidio di eccellenza, che dovrà costituire un vero e proprio atto di riforma strutturale del sistema sanitario dell’intera provincia di Cosenza e diventare un punto di riferimento a livello regionale e oltre».

Riguardo l'attuale nosocomio, Oliverio ha anche aggiunto che «l'Annunziata, che per lunghi anni ha rappresentato un punto di eccellenza nel sistema sanitario regionale conta, ormai, circa un secolo di vita ed è assolutamente carente di spazi adeguati e di idonei collegamenti verticali ed orizzontali. Anche tutti gli altri plessi, seppur di realizzazione più recente ed oggetto di continui interventi di ristrutturazione, non consentono di soddisfare gli standard richiesti alle strutture sanitarie, in termini di adeguatezza delle prestazioni funzionali, strutturali ed impiantistiche. Da qui la necessità di dotare la città di Cosenza, che è la città capoluogo della provincia più grande della Calabria, di una struttura sanitaria all’avanguardia e pienamente corrispondente alla impellente domanda di assistenza e cura dei cittadini».

Il nuovo presidio avrà una dotazione di 705 posti letto, una superficie di circa 134 mila metri quadri, sarà articolato in aree dipartimentali organizzate per intensità di cura e assicurerà uno standard alberghiero elevato con degenze da 1 o 2 posti letto. Saranno centralizzati, inoltre, i servizi condivisi di diagnosi e cura e sarà garantita una elevata flessibilità, in funzione dell’evoluzione delle tecnologie e dei processi in atto. È prevista anche la possibilità di integrare gli spazi per la Didattica e la Ricerca e la realizzazione di specifiche strutture per assicurare l’ospitalità di personale e parenti ed un elevato standard qualitativo per il cittadino.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?