Salta al contenuto principale

Sanità, nuovo scontro dopo i decreti del commissario

La Cgil apre lo scontro: «Così paga tutta la collettività»

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Una corsia d'ospedale
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 36 secondi

CATANZARO - La Cgil Calabria, Fp Cgil e Filcams Cgil prendono posizione dopo le polemiche relative ai due decreti del commissario per il piano di rientro della sanità (LEGGI), evidenziando come i due decreti «che fissano il tetto massimo delle prestazioni erogabili dai centri privati accreditati Calabresi), si è riacceso da qualche tempo l’ennesimo contenzioso tra il commissario Scura e i titolari dei centri di specialistica ambulatoriale». Ma il sindacato lancia anche accuse precise nei confronti delle «strutture sanitarie della Regione».

Secondo l'organizzazione sindacale «l’effetto di tale scontro si sta traducendo, per i calabresi, nell’interruzione, dal 4 giugno, dell’erogazione delle prestazioni in regime di convenzione e, per il personale dipendente, nell’attivazione delle procedure di pre-licenziamento (se ne contano, al momento, alcune centinaia). L'altro effetto di questo scontro riguarda l’intera collettività calabrese».

Mentre il commissario Scura si autopromuove per il lavoro fatto (LEGGI), difendendo anche i due decreti incriminati (LEGGI), sono i calabresi a pagarne le conseguenze.

«Il risultato dello scontro tra la struttura commissariale e i titolari dei centri privati accreditati, indipendentemente dal merito legale di cui possiamo essere meri spettatori, ma che si protrae da lungo tempo in un braccio di ferro logorante - prosegue la Cgil - sta producendo un ulteriore danno alla medicina di territorio e alla prevenzione. Nei Decreti commissariali richiamati si afferma che, stante la gravità della situazione debitoria, il Commissario può procedere anche all’abbattimento dei fabbisogni stabiliti. Una scelta incredibile e fuori da ogni logica di sicurezza e prevenzione. Un mero calcolo ragionieristico che umilia il popolo calabrese. Chiediamo da tempo che si dia attuazione alla rete territoriale, che si aprano le case della salute da anni finanziate e mai aperte, che si programmi per le periferie un sistema di sicurezza sanitaria che dia risposte di diagnosi e cura credibili e soprattutto stabili. Una sanità gestita a colpi di scontri istituzionali, e tra istituzioni ed erogatori, non serve a nessuno. Servirà probabilmente a spostare le risorse dalla Calabria verso le altre regioni e ad incrementare la mobilità passiva».

«Cgil regionale, Fp Cgil e Filcams Cgil - prosegue la nota - chiedono al commissario Scura di intervenire immediatamente per garantire ai cittadini le prestazioni dovute, sulla base del reale fabbisogno stimato. E nel contempo chiedono la tracciabilità dei risparmi derivanti dai tagli effettuati ai centri privati accreditati, per non dovere verificare successivamente che quelle somme vengono sottratte ad alcune strutture per favorire la nascita o l’incremento di budget di altre. Ma soprattutto, constatato il fallimento della gestione Commissariale, ne chiedono l’immediato superamento. Chiedono poi di voler avviare tutte le necessarie verifiche nelle Asp e Ao calabresi sulla legalità e regolarità degli atti amministrativi e di gestione, investendo anche gli uffici dell’anticorruzione».

Cgil regionale, Fp Cgil e Filcams Cgil, infine, «annunciano, nei prossimi giorni, l’invio di una richiesta a tutte le Prefetture perché si attivino specifiche Commissioni di accesso nelle strutture sanitarie della Regione. Infine, chiedono alle strutture private accreditate di sospendere le procedure di licenziamento avviate e di aprire un confronto con questa organizzazione sindacale per valutare l’effettiva sofferenza occupazionale derivante dai tagli denunciati».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?