Salta al contenuto principale

Mileto, il primo sindaco donna si dimette

Rosetta Mazzeo lascia per motivi di salute

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Il sindaco dimissionario Mazzeo con la maggioranza
Tempo di lettura: 
1 minuto 52 secondi

MILETO (VIBO VALENTIA) - Rosetta Mazzeo, primo sindaco donna della città normanna, ha lasciato il suo incarico a soli due mesi dall'elezione a primo cittadino.

La decisione clamorosa era comunque nell'aria già da alcune settimane con voci di corridoio che si sono rincorse più e più volte nell'attesa di un'imminente lettera di dimissioni che oggi è arrivata.

LEGGI LA NOTIZIA SUL VARO DELLA GIUNTA
DEL PRIMO SINDACO DONNA DI MILETO

La lettera con cui il sindaco Mazzeo rinuncia al suo incarico (ricordiamo che comunque la sua decisione con conseguente scioglimento del consiglio comunale sarà efficace tra venti giorni secondo quanto disposto dal Testo unico sugli enti locali) è stata protocollata nella tarda mattinata di oggi. Poche parole indirizzate al presidente del Consiglio, al Segretario Generale, al Consiglio comunale e soprattutto ai cittadini con cui Rosetta Mazzeo spiega che «condizioni di salute sopravvenute - si legge nel testo - mi impongono di lasciare il mandato che mi avete affidato». Mazzeo ribadisce di aver «provato con tutte le mie forze a resistere ma i medici sono stati drastici, insistendo - aggiunge - procurerei solo danno e, soprattutto, non assolvendolo con l'impegno, la quotidianità e l'accortezza richiesta, verrei meno ai compiti del mandato procurando altri danni alla nostra comunità».

La sua missiva si conclude con le dimissioni ufficiali che aprono adesso la procedura di scioglimento del consiglio comunale. Prima che la fine prematura della consiliatura venga però a realizzarsi è necessario che trascorrano 20 giorni, periodo che la legge dà al sindaco per consentirgli di "cambiare idea" e ritirare le dimissioni. Trascorsi i 20 giorni il segretario comunale comunicherà alla prefettura lo scioglimento del consiglio comunale per dimissioni del sindaco e il Prefetto provvederà a nominare un commissario che si occuperà della gestione dell'ente fino alla prossima sessione elettorale utile per la scelta del nuovo sindaco e del nuovo consiglio.

Il commento del capogruppo di minoranza Giordano

Il capogruppo di minoranza e avversario politico di Rosetta Mazzeo, Salvatore Fortunato Giordano ha affidato a Facebook il suo primo commento: «Umanamente vicini a Rosetta Mazzeo - ha scritto Giordano - e Le auguriamo che le sue condizioni di salute migliorino presto. Nel merito delle dimissioni, riservando un approfondimento dovuto, ritrovo la Rosetta che fino ad Aprile era con Noi. Seria e responsabile. In bocca al lupo!!!».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?