Salta al contenuto principale

Sanità, la Giunta Oliverio ha nominato i commissari

Scontro con il Ministro Grillo e M5S: «Inaccettabile»

Deliberato anche il ricorso contro il subcommissario

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Mario Oliverio con il commissario Cotticelli
Tempo di lettura: 
4 minuti 18 secondi

CATANZARO - La Giunta regionale, presieduta dall’assessore vicario Franco Rossi, ha approvato una serie di provvedimenti in materia sanitaria tra cui i nuovi commissari delle Aziende sanitarie provinciali di Catanzaro, Cosenza, Cotone e Vibo Valentia e dell’Aziende ospedaliero-universitaria Mater Domini di Catanzaro i cui vertici erano o scaduti o vanno in scadenza nella giornata di domani.

Queste le nomine: Azienda sanitaria provinciale Vibo Valentia Angela Caligiuri, Azienda sanitaria provinciale Catanzaro Giuseppe Fico, Azienda sanitaria provinciale Crotone Antonello Graziano, Azienda sanitaria provinciale Cosenza Raffaele Mauro, Azienda ospedaliera Mater Domini Caterina De Filippo, Azienda ospedaliera Annunziata di Cosenza Achille Gentile, Azienda ospedaliera Reggio Calabria Vittorio Prejanò

A nulla sono servite, dunque, le prese di posizione del ministro della Salute, Giulia Grillo (LEGGI LE NOTIZIE SUGLI SCONTRI DI OGGI), e del Movimento 5 Stelle (LEGGI), con la Giunta regionale che ha deciso di proseguire comunque il suo percorso, approvando anche altre delibere in tema di sanità. Nello specifico, con l’assistenza del segretario Ennio Apicella, l’Esecutivo, su proposta del presidente della seduta Rossi, ha approvato la delibera di riapertura dei termini per la nomina dei nuovi direttori generali delle Aziende sanitarie provinciali e delle Aziende ospedaliere al fine di procedere alla nomina, nell’ambito di una più ampia platea di partecipanti. Al Bando, come prevede la normativa nazionale, possono partecipare solo gli iscritti all'albo nazionale dei direttori generali. 

SCOPRI I CONTENUTI SUL COMMISSARIAMENTO DELLA SANITÀ CALABRESE

Nelle more dell'espletamento delle procedure per l'individuazione dei nuovi direttori generali si è proceduto alla nomina utilizzando gli stessi direttori generali uscenti o facenti funzione purchè iscritti all'albo nazionale dei direttori generali. Per quanto riguarda l’Asp di Reggio Calabria, ha evidenziato il comunicato dell'Esecutivo, si è in attesa delle determinazioni della struttura commissariale in ordine al ritiro del provvedimento con il quale il commissario Scura si è autonominato soggetto attuatore come richiesto dai ministeri affiancanti, mentre il direttore generale dell’Azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio terminerà il mandato il prossimo anno.

La reazione del Ministro Grillo

La decisione della Giunta è stata fortemente criticata, in serata dal ministro della Salute Giulia Grillo: «La Giunta regionale della Calabria con la nomina dei commissari ha compiuto un grave atto di arroganza istituzionale che traccia una linea netta nei nostri rapporti. La sanità della Calabria - aggiunge - è stata commissariata perché continua a rimanere in una situazione indecente: i livelli essenziali di assistenza peggiorano di anno in anno e il disavanzo continua a crescere. Oliverio con la sua volontà di tirare dritto, senza sentire nessuno se non la sua Giunta, sulle nomine delle Aziende sanitarie e ospedaliere ha di fatto sbattuto la porta in faccia ai neo-commissari Cotticelli e Schael e quindi al Governo. Appare evidente che occorre cambiare rotta».

«Farò ogni cosa in mio potere - ha proseguito il Ministro - per oppormi al perpetuarsi della malagestione della sanità in Calabria e quindi a queste nomine non trasparenti. Lo dobbiamo ai calabresi - aggiunge - che non ne possono più di questo disastro, lo dobbiamo a tutti i cittadini che ci chiedono di cambiare il Paese. L’atto di arroganza unilaterale del presidente Oliverio merita tutto il rigore di questo Governo, i cittadini calabresi meritano il cambiamento»

La reazione del Movimento 5 Stelle

Dopo la nomina ufficiale, il Movimento 5 Stelle è intervenuto nuovamente con i deputati Francesco Sapia e Dalila Nesci, della commissione Sanità: «È atto di prepotenza ed arroganza sconfinate la nomina, da parte della giunta Oliverio, dei commissari di 7 aziende del Servizio sanitario calabrese, in quanto - affermano - avvenuta senza alcun confronto di leale cooperazione istituzionale con i commissari del governo italiano, appena insediati. Le nomine in questione sono inaccettabili sia per il metodo che per il merito. Per questo - aggiungono - abbiamo già chiesto al ministro della Salute di valutare la sostituzione, per il tramite dei commissari Cotticelli e Schael, di questi manager con soggetti attuatori, oppure l'esplicita attribuzione, ai delegati del governo, del potere di nomina dei vertici delle aziende del Servizio sanitario regionale».

Altre delibere e il ricorso contro Schael

Sempre in tema sanità è stata approvata, inoltre, la delibera per l'avviso di selezione dei direttori sanitari e amministrativi delle Aziende sanitarie e ospedaliere. Approvata anche la delibera per la proposizione del ricorso al Tar avverso la nomina del sub commissario Thomas Schael per incompatibilità derivante da lite pendente nei confronti della Regione.

Di fatto si è approvato una serie di delibere in materia sanitaria che costituiscono un insieme organico a determinare una nuova fase del sistema sanitario calabrese. In seguito, sempre su proposta dell'assessore Rossi, l'Esecutivo ha deliberato il disciplinare di utilizzo del sistema informativo per la gestione degli appalti pubblici (SISGAP). In pratica gli Enti locali potranno utilizzare gli stessi sistemi dell’Amministrazione regionale. Decisa anche la costituzione di parte civile per reati contro la pubblica amministrazione.

Decisioni su bilancio e urbanistica

Su proposta dell’assessore alla cultura Maria Francesca Corigliano la Giunta ha poi approvato la parziale modifica del Piano della Rete scolastica e della programmazione dell'offerta formativa della Regione Calabria per gli anni 2019-2020. In materia di bilancio, su proposta dell’assessore Mariateresa Fragomeni, è stata approvata la valutazione dei dirigenti generali per l'anno 2015 e nominato Domenico Schiava quale dirigente generale reggente al Dipartimento urbanistica.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?