Salta al contenuto principale

Ripartizione fondi alle Province, cresce la polemica

Giordano (Città Futura) preoccupato per Mileto

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Fortunato Salvatore Giordano
Tempo di lettura: 
2 minuti 33 secondi

MILETO - La ripartizione dei fondi alle province che ha visto Vibo Valentia ottenere soltanto 300 mila euro (LEGGI) continua ad alimentare la polemica, ed anche se il ministero ha chiarito che la ripartizione è stata operata sulla base delle indicazioni dell'Upi (LEGGI) resta acceso il dibattito.

Ad intervenire, adesso, è Salvatore Fortunato Giordano, coordinatore dell'associazione politico-culturale Città Futura e già candidato sindaco alle ultime elezioni comunali di Mileto. Giordano ha ribadito che «la misera somma di 300.000 euro dal 2019 al 2023 qualora confermata, significherebbe, anche per il territorio di Mileto, come dell’intera Provincia di Vibo Valentia, una iattura».

L'esponente politico, con un passato da amministratore, ha aggiunto che «fermarsi a freddi calcoli e alle nuove modalità di riparto dei fondi, fondati sul tempo che fu e sugli errori della politica del passato, non è un buono né lungimirante metodo».

In particolare, «i cittadini di questa Provincia ingiustamente e per colpe non loro verrebbero privati per i prossimi anni di giuste ed eque risorse pubbliche, che farebbero venir meno ulteriormente i servizi che l’Ente intermedio dovrebbe invece garantire. È quindi corretto l’appello affinché i parlamentari del territorio, senza distinzione di colore politico, si uniscano e all’unisono chiedano al Governo di trovare il modo affinché la Provincia di Vibo Valentia ottenga fondi in misura sufficiente per far fronte agli innumerevoli problemi che riguardano le strade e le scuole, quantomeno alla pari delle altre Province».

Il rappresentante di Città Futura, poi, ha puntualizzato come «i Cittadini di Mileto, come quelli del vibonese non sono di serie b» ricordando come la Costituzione «vorrebbe che gli enti più poveri e i più deboli abbiano maggiore attenzione dallo Stato, invece nel caso in esame, si verifica tutto il contrario», il basso livello di fondi messi a disposizione comporterebbe, invece, che «la Provincia di Vibo Valentia, ultima in Italia, verrebbe spinta ulteriormente verso il basso».

Senza maggiori fondi «Mileto non potrebbe aspirare alla riapertura della Strada Provinciale che collega all’Autostrada, da anni chiusa al traffico. Fatto che produce danni per le attività produttive esistenti sul territorio di Mileto, ma anche per il collegamento con la Fondazione Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime, la Diocesi, il Museo statale e gli scavi archeologi dell’Area di Mileto Antica. Ma non solo, anche il plesso della sezione dell’ITE di Mileto non potrebbe aspirare ad ottenere fondi dalla Provincia onde rilanciare la sua offerta formativa su un territorio spesso, anche se non fondatamente, ritenuto terra di frontiera. Per non parlare delle altre strade provinciali piene di buche e che costituiscono grave pericolo per l’incolumità pubblica».

In conclusione, Città Futura, in mancanza di organi politici eletti «si fa portavoce dei Cittadini e chiede agli Organi preposti di far sentire alta la loro voce, affinché si mettano in evidenza i danni che deriverebbero per questo territorio per l’effetto indiretto del mancato finanziamento di risorse all’Ente Provincia. Un Ente alla cui elezione dei suoi vertici Mileto non ha potuto nell’ultima tornata dare il suo contributo, ma di cui fa comunque parte e dovrà tornare a farne parte da protagonista».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?