Salta al contenuto principale

Elezioni regionali, Forza Italia lancia Mario Occhiuto

Carfagna: «Il miglior governatore possibile per la Calabria»

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Jole Santelli e Mario Occhiuto
Tempo di lettura: 
2 minuti 49 secondi

COSENZA - «Grazie Mario per quello che hai fatto per Cosenza e per quello che farai per la Calabria». Esordisce così Mara Carfagna durante il Congresso provinciale di Forza Italia a Cosenza, parlando di Mario Occhiuto come «non solo il migliore candidato possibile ma il migliore governatore possibile di questa regione».

LEGGI DELL'ANNUNCIO DELLA KERMESSE DA PARTE DI MARIO OCCHIUTO

È solo uno dei tanti elogi da parte degli esponenti di Forza Italia a Mario Occhiuto, durante il Congresso provinciale di ieri pomeriggio che si è svolto nel museo multimediale di Cosenza e che ha visto una presenza significativa di sostenitori e leader del partito. Lo ha sottolineato lo stesso Silvio Berlusconi durante la sua telefonata in diretta, un intervento con cui ha voluto rivolgere un in bocca al lupo a Gianluca Gallo, neo eletto coordinatore provinciale di Forza Italia, e al candidato a presidente della Regione Calabria «Mario Occhiuto, nostro sindaco della bella Cosenza».

«In questi otto anni abbiamo fatto capire come possa avvenire la mutazione di una città, una rigenerazione. E se una mutazione è possibile per una città come Cosenza, è possibile anche per una regione come la Calabria».

LEGGI DELLA DECISIONE DI FORZA ITALIA DI PUNTARE SU MARIO OCCHIUTO

Queste le parole di Occhiuto che si prepara a dare inizio alla sua campagna elettorale che prenderà il via sabato prossimo da Lamezia, e che lo vede già sostenuto fortemente dal partito.A differenza degli altri, non si esprime molto e per ovvi motivi Roberto Occhiuto, che del fratello si limita a dire solo «sono orgogliosissimo»; propone invece, ad eventuale insediamento alla Regione, l’assessorato regionale a Gianluca Gallo «che ha dimostrato di avere grandissime qualità politiche e amministrative».

Secondo Gallo la regione ha bisogno di quella progettualità che fino a oggi è mancata, creando peraltro gravi danni, in primis alla sanità.Parla poi di coesione e compattezza di Forza Italia in Calabria, sinergia di tutte forze del partito che si evince anche dagli altri interventi, principalmente dal presidente Berlusconi: «non è come dicono, che Forza Italia è vecchia e superata. Io vi posso garantire che è esattamente il contrario».

Con lui concordano anche Mara Carfagna e Maria Stella Gelmini, la stessa che sottolinea l’importanza della delegazione parlamentare calabrese, e che ribadisce la differenza sostanziale tra Forza Italia e i pentastellati.

«Il centrodestra è l’unico esempio di buon governo, l’unica alternativa credibile alle chiacchiere della sinistra e del Pd e all’inadeguatezza a governare dei cinque stelle. Ma il centrodestra senza Forza Italia non esiste. Non è possibile sostituirlo con una destra sovranista e populista».

Mara Carfagna però precisa «qualcuno pensa che io voglia rompere con Salvini. È esattamente il contrario. Io voglio ricostruire il centrodestra unito di governo, lo stesso che ha costruito Berlusconi, nel quale tutti gli alleati avevano al stessa dignità politica».Riduzione delle tasse, crescita, sviluppo, infrastrutture, divario tra nord e sud, questi sono i temi caldi che il partito porta avanti. Un partito che ora concentra tutte le sue forze nelle elezioni europee perché – dicono – «abbiamo bisogno di questo spazio politico».

E Jole Santelli annuncia la candidatura di Fulvia Caligiuri per la Calabria (LEGGI LA NOTIZIA), «già eletta senatrice da questa regione, ma il suo seggio è stato sottratto a causa di brogli. Io ritengo – aggiunge la Santelli – che chi oggi siede sul suo seggio a causa di brogli altrui debba alzarsi, perché è il responsabile in questo Paese della legalità delle elezioni: il ministro dell’interno».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?