Salta al contenuto principale

Il presidente Oliverio indagato, non c'è pace nel Pd

Zingaretti: «Stessa posizione tra Calabria e Umbria»

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Il presidente Mario Oliverio
Tempo di lettura: 
0 minuti 51 secondi

COSENZA - Non si placa la polemica sulla difesa di Nicola Zingaretti, segretario del Pd, nei confronti del presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio. Dopo le parole del segretario, alcuni rappresentanti dei democratici erano intervenuti per segnalare la diversa posizione assunta nei confronti dei governatori di Umbria e Calabria, entrambi indagati.

LEGGI LE PAROLE DI ZINGARETTI E LE CRITICHE NEL PARTITO

Tesi, però, smentite oggi da Zingaretti: «Non c'é alcuna differenza di posizioni» del Pd tra il caso Calabria e il caso Umbria, ha detto il leader dem Nicola Zingaretti rispondendo ai giornalisti al Senato.

«La politica deve sempre garantire trasparenza, difesa del territorio e selezione delle classi dirigenti - aggiunge -. Semmai c'è stata una differenza di valutazione delle inchieste da parte del M5S: quando gli indagati sono il sindaco di Torino o di Roma si mantengono gli incarichi come nulla fosse, quando non sono del loro partito si diventa giustizialisti».

L'accusa per Oliverio è di associazione a delinquere (LEGGI), ma il governatore ha respinto ogni addebbito (LEGGI)

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?