Salta al contenuto principale

Elezioni europee, Movimento 5stelle primo partito in Calabria

Ma è la Lega che esplode sfondando il 22%, PD fermo al 18%

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Salvini durante una visita a San Ferdinando
Tempo di lettura: 
3 minuti 46 secondi

La Calabria si tinge di Giallo-verde. Il Movimento Cinquestelle è il primo partito con il 26,69% (dato definitivo) pari a circa 200 mila voti ma per gli uomini di Luigi Di Maio c'è poco da festeggiare perché in poco più di un anno hanno dilapidato il grandissimo consenso ottenuto alle politiche quando M5S fermava l'asticella a 43,37%.

LA GIORNATA DI DOMENICA E LE CURIOSITA'

Il dato su base provinciale

La Lega ottiene il primato in due delle cinque province calabresi, mentre è seconda nelle altre tre dove sono ancora i 5 Stelle ad avere la prima posizione. La Lega si impone nel reggino (22,77%) - dove precede il Pd, al 20,67% ed i 5 Stelle (19,63%) - e nel vibonese (20,99%), dove è seguito da 5 Stelle al 19,97% e Forza Italia al 18,60, con il Pd quarto al 17,55%. Nel cosentino, invece, i 5 Stelle dominano con il 31,17% dei consensi, seguiti dalla Lega al 22,82, dal Pd (17,44) e da Fi (11,49). Il movimento è oltre il 30% (32,91) anche a Crotone, con la Lega al 21,88 e il Pd al 19,61. Nel Catanzarese, infine, M5S al 26,63, Lega al 23,01 e Pd al 16,68.

I singoli partiti

A fare il gran colpo è Matteo Salvini e la sua Lega che con il 22,61% e quasi 165 mila voti passa dalla quasi inesistenza delle precedenti Elezioni Europee (e dal 5.62% delle ultime politiche) a seconda forza politica della Regione a questo punto perfettamente in grando di dire la propria anche nelle imminenti elezioni regionali del prossimo novembre.

I RISULTATI DELLE ELEZIONI EUROPEE IN CALABRIA CON I VOTI PER OGNI PARTITO

Al terzo posto il Partito Democratico con il 18,25% e 133mila voti circa, che paga, più che altrove, la persistente presenza di divisioni al suo interno ma anche le recenti inchieste giudiziarie che hanno visto alcune tra le più alte sfere del partito, a cominciare dal presidente della Regione Mario Oliverio, ricevere avvisi di garanzia e subire anche provvedimenti cautelari.

I DATI SULL'AFFLUENZA ALLE URNE

Forza Italia tiene con quasi cento mila voti pari al 13,32% il quarto posto ma il risultato potrebbe non essere sufficiente per portare a casa l'obiettivo di novembre ossia quella candidatura a presidente della Regione che il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto ha già sostanzialmente annunciato malgrado gli alleati non abbiamo proprio dato il loro ok. Tra l'altro il risultato della Lega ma soprattutto quello di Fratelli d'Italia potrebbe seriamente aprire una frattura pericolosa nel fronte del centrodestra per le Regionali.

IL CASO DI RIACE: SALVINI BATTE LUCANO IN CASA

Proprio Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni può annoversarsi tra coloro che hanno vinto queste elezioni in Calabria. I quasi 75mila voti pari al 10,26% ottenuto dal partito di destra, infatti, oltre a legittimare il ruolo di forza in crescita del centrodestra nazionale e calabrese, costituiscono anche una carta d'oro da giocare nella battaglia per la scelta del candidato governatore. Proprio Fratelli d'Italia, infatti, aveva espressamente proposto una candidatura alternativa a quella di Occhiuto individuando Wanda Ferro come perfetta proposta elettorale.

Dopo i cinque partiti che, in pratica, si spartiscono il panorama elettorale calabrese e nazionale arrivano, largamente staccate, tutte le altre forze. A vincere il "campionato degli altri" è La Sinistra con il 2,16% dei voti e poi via via gli altri con percentuali inferiori.

I RISULTATI DELLE ELEZIONI EUROPEE IN CALABRIA CON I VOTI PER OGNI PARTITO

Le curiosità: San Luca

Tra le curiosità, a San Luca, alle europee, è il Pd il primo partito di San Luca con il 26,59%. Anche qua, comunque, la Lega ottiene un risultato straordinario, arrivando al 23,24. Un ottimo risultato lo ottiene anche Fdi, quinto, ma al 12,12%, mentre i 5 Stelle raggiungono il 15,30, di poco sopra a Forza Italia al 14,72%.

Intanto, non é ancora cominciato, malgrado l’inizio fosse fissato per le 14, lo spoglio per le elezioni amministrative a San Luca. Il mancato inizio é dovuto al fatto che non sono ancora arrivati i presidenti dei quattro seggi allestiti nel paese. In mattinata era stato completato lo spoglio delle schede per le elezioni europee al quale i presidenti di seggio avevano partecipato regolarmente. Una volta concluso lo spoglio, i presidenti, provenienti da Reggio Calabria, sarebbero dovuti tornare a San Luca per avviare lo spoglio per le comunali, ma, al momento, non si sono visti. I primi ad apparire perplessi per quanto sta accadendo sono i due candidati a sindaco, il massmediologo Klaus Davi e l'infermiere in pensione Bruno Bartolo.

Nel frattempo, nel corso del pomeriggio, a partire dalle 14, si svolgerà lo scrutinio relativo alle elezioni amministrative (LEGGI LE NOTIZIE SULLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CALABRIA) che in Calabria riguardano 135 enti tra cui un capoluogo Vibo Valentia, e quattro città con oltre 15 mila abitanti: Corigliano-Rossano (per la prima volta al voto), Rende, Montalto Uffugo

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?