Salta al contenuto principale

Comune Rombiolo, insediamento del sindaco Petrolo

Il vice è Barbuto, prima avversario e ora alleato

 

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
L'insediamento della nuova Amministrazione
Tempo di lettura: 
1 minuto 5 secondi

ROMBIOLO (VIBO VALENTIA) - Dopo 20 anni Mimmo Petrolo reindossa la fascia tricolore e sotto le insegne del Partito democratico (unico caso in Calabria alle comunali dello scorso 26 maggio) ottiene il secondo mandato dopo quello ricoperto nel quadriennio 1995-1999. Una vittoria schiacciante sul movimento civico “Noi con Rombiolo”: 1.670 voti contro 781 (irrilevante il dato della civetta “Insieme per Rombiolo”).

Un successo frutto anche di un sodalizio inedito tra due ex primi cittadini: Mimmo Petrolo, appunto, e Giuseppe Barbuto (altro uomo forte del centrosinistra rombiolese e già vicepresidente della Provincia di Vibo Valentia con Francesco De Nisi), da sempre rivali e adesso alleati: uno accanto all'altro.

Non a caso il neo sindaco come primo atto ha nominato Barbuto suo vice. Gli altri componenti della Giunta sono: Davide De Rito (primo degli eletti nella lista del Pd), Caterina Contartese e l'esterna Cinzia Lo Bianco.

Mercoledì sera l'insediamento ufficiale del nuovo consiglio comunale. Petrolo ha richiamato i valori del socialismo e del cattolicesimo democratico, facendo riferimento ai sindaci del passato, a cominciare dal comunista Domenico Contartese («una vita spesa per il riscatto degli ultimi») e dal democristiano Vincenzo Restuccia («ha messo le sue capacità di imprenditore al servizio della collettività»). Critiche dall'opposizione sulla «qualità dell'esecutivo» e ribadita «la situazione di sfacelo finanziario in cui le varie amministrazioni dei dem hanno cacciato l'ente comunale».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?