Salta al contenuto principale

Cresce l'attesa per l'arrivo di Salvini a Soverato

E sui social infiamma la contestazione al vicepremier

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Matteo Salvini
Tempo di lettura: 
1 minuto 35 secondi

SOVERATO (CATANZARO) - Grande attesa per l’arrivo del Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, in particolare per quanto riguarda la seconda tappa calabrese del suo “Beach Tour”, quella prevista per stasera alle 21:00 sul lungomare Europa di Soverato.E se i social sono uno dei mezzi privilegiati dal Vice Premier sono tanti gli oppositori che, con lo stesso mezzo, hanno messo in piedi una vera e propria “protesta virale” che dalle prime ore di stamattina sta impazzando sul web. A partire dall’hashtag #IlSudNonDimentica è stata lanciata una campagna fotografica denominata “Siamo pronti anche noi”. Uno slogan che fa il verso alle dichiarazioni degli ultimi giorni del segretario della Lega che, in piena crisi di Governo, si è detto “pronto a tornare alle urne”.L’intento dichiarato, espresso postando su Instagram e Facebook delle foto personali con allegato il motto sopracitato, è proprio quello di lanciare un messaggio a Salvini: il Meridione non dimentica le offese e le barricate della Lega, quando ancora era “Lega Nord” contro il Sud ed i suoi abitanti.

A lanciare il tam tam è stata ancora una volta Jasmine Cristallo, la catanzarese che lo scorso maggio è arrivata nelle cronache nazionali per aver ideato e promosso quella “rivolta dei balconi” che ha accolto, con striscioni appesi dalle case dei cittadini catanzaresi, la visita del Ministro nel capoluogo calabrese. «La protesta nasce per iniziativa di un gruppo di ragazzi che, venuti a conoscenza della visita di Salvini a Soverato, hanno creato una chat decidendo di coinvolgermi per coordinare un’iniziativa di protesta che fosse quanto più colorata e allegra ma dal forte impatto mediatico, proprio sull’onda delle caratteristiche virali delle lenzuola sui balconi – ha dichiarato Jasmine Cristallo – stanno arrivando contributi da tutta la Calabria e da tutta Italia, permettendo a gente di tutte le età ed anche a chi è fisicamente lontano da Soverato di esprimere il proprio dissenso nei confronti di un regime di paura, odio e repressione».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?