X
<
>

Maria Antonietta Ventura

Tempo di lettura 2 Minuti

LA candidatura di Maria Antonietta Ventura ora è appesa ad un filo e l’imprenditrice scelta da Pd e M5S rischia di diventare una “meteora” del panorama politico calabrese. L’analisi anticipata ieri dal Quotidiano del Sud (LEGGI) è confortata oggi dalla lettura di altre testate nazionali, come Repubblica e Corriere della Sera.

Ma la versione più esplicita sulla tesi “meteora”, la fornisce il Fatto Quotidiano, sempre ben informato su ciò che accade in casa Cinquestelle, con un articolo di Wanda Marra. «È la candidatura di Maria Ventura in Calabria – scrive il Fatto – la prima vittima dell’eventuale addio di Giuseppe Conte alla guida del Movimento. Il nome scelto da “Giuseppi” ed Enrico Letta sta saltando in queste ore. M5s non riesce a fare una lista, Leu nemmeno. E il Pd calabrese la Ventura non l’ha mai voluta. Praticamente impossibile difenderla se l’accordo col M5S si dissolve».

E il centrodestra, ovviamente, gongola. Sempre più favorito in Calabria, stando così le cose: Carlo Tansi, leader di Tesoro di Calabria (quasi all’8% alle Regionali dell’anno scorso) ha rotto con il candidato governatore Luigi de Magistris ed ora potrebbe pure rompersi l’asse Pd-M5s.

Da un lato, quindi, il centrodestra compatto, dall’altro quattro forze, che potranno solo fare a gara per il secondo posto. Bella consolazione.

«In Calabria – aveva detto Enrico Letta, qualche giorno fa – andrò i primi giorni di luglio. Cercheremo di vedere qual è la modalità migliore per cambiare pagina. È stato abbastanza naturale, quando si è dovuto fare un ragionamento sulla Calabria, pensare a una figura come quella di Maria Antonietta Ventura. So che può fare un grande lavoro».

Ma se Conte non sarà più il capo politico del Movimento 5 Stelle, anche il segretario dem dovrà cambiare pagina e non solo nella nostra regione.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA