X

Jole Santelli, presidente della Regione Calabria

Tempo di lettura 2 Minuti

CATANZARO – «Ho chiesto con fermezza al Ministro dell’Interno di avere delle navi dove far svolgere la quarantena ai migranti che arrivano sulle nostre coste e pongo alla commissione di chiedere al Governo e in sede europa che si possa fare un vero percorso di controllo da parte dell’Europa».

A dirlo è stata la presidente della regione Calabria Jole Santelli, in audizione al Comitato parlamentare di controllo sull’attuazione dell’accordo di Schengen.

La Santelli ha ribadito che «da qualche mese è forte la paura determinata dall’espandersi della pandemia covid in alcuni Paesi, soprattutto africani, di contagio di ritorno, soprattutto a causa degli sbarchi di migranti. Credo che il Governo e l’Ue debbano essere pronti ad affrontare la problematica prima che si corra il rischio in autunno di un ritorno di contagi soprattutto a sud».

La Santelli ha quindi ricordato la vicenda dello sbarco “fantasma” nel porto di Roccella Ionica con l’arrivo di una sessantina di migranti pakistani parte dei quali positivi. Dopo essersi detta incuriosita dal fatto che fossero tutti uomini e dello stesso Paese, la Governatrice della Calabria ha evidenziato che la decisione della Prefettura, di spostare i migranti positivi «in centri cittadini di località turistiche rinomate» ha creato «creato allarme tra la popolazione non per i migranti ma per il rischio contagio».

La Santelli ha anche auspicato che vada a buon fine la gara per reperire una nave da adibire a luogo di quarantena per migranti, altrimenti, ha aggiunto, «si faccia una requisizione». «E nessuno – ha aggiunto – sta parlando di questioni relative a immigrati che hanno fatto la quarantena in Sicilia. Nessuno ha posto questo tema. Il tema è su un altro discorso, gli sbarchi di vascelli fantasma. Quanti sono? A saperlo. Se arrivano in porto lo sappiamo, se arrivano in spiaggia no. Il problema è nato su sbarco autonomo e sulla necessità di quarantena in Calabria. Da ciò è nata un’interlocuzione con il Governo, quanto con il ministro Lamorgese che con il prefetto di Bari, ed ho sottolineato la necessità di avere queste navi per la quarantena in mare, perchè la quarantena deve essere svolta fuori da ambito territorio italiano. Gli sbarchi – ha poi detto la Governatrice – avvengono sulle coste, è normale quindi quindi l’incidenza sul turismo. Questa situazione ha creato un problema di immagine. Gli albergatori di Amantea e Roccella Ionica mi hanno segnalato numerose disdette in questi giorni per paura perché il covid ancora permane. Chiedo, da istituzione e non in contrapposizione, che vengono preservati gli sforzi fatti da una regione rimasta no covid che ha rispettato diligentemente le regole».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares