X
<
>

Angelo Pellicanò e Michele Ametta

Tempo di lettura 2 Minuti

COSENZA – La Calabria ha i due subcommissari, sono Angelo Pellicanò e Michele Ametta. Sono stati nominati ieri sera in consiglio dei ministri e andranno a supportare il commissario ad acta. Guido Longo era in attesa da tre mesi di una squadra per la gestione della sanità calabrese. La nomina è arrivata su proposta del ministro dell’economia e delle finanze Daniele Franco.

Angelo Pellicanò, settant’anni e una laurea in medicina con specializzazione in medicina legale delle assicurazioni, arriva dalla Sicilia dove per diversi anni è stato direttore generale dell’azienda ospedaliera per l’emergenza Cannizzaro di Catania. Precedentemente aveva occupato il ruolo di commissario straordinario dell’azienda ospedaliera Garibaldi di Catania dove ha ottenuto il pareggio di bilancio per tre anni consecutivi (2009-2011) con “valutazione complessiva positiva da parte dell’Agenas per il triennio 2009-2011 e raggiungimento degli obiettivi assegnati dalla Regione”. Il ruolo sembra quello giusto per chi dovrà mettere mano e cercare di riordinare i conti della sanità calabrese.

L’altro subcommissario che andrà a sostenere la struttura commissariale calabrese è Michele Ametta. Sessantacinque anni e una laurea in Sociologia, arriva dalla Puglia, dove attualmente è direttore amministrativo del Policlinico “Riuniti” di Foggia. Tra il 2005 e il 2006 ha svolto il ruolo di direttore amministrativo dell’Asl Foggia 1. Una posizione difficile in un contesto ambientale non favorevole, stando a quanto si legge nel curriculum. Nel 2006 è stata “dimezzata la perdita di esercizio del bilancio 2005” nonostante “momenti di forte tensione anche di vita personale in quanto destinatario di minacce di morte”.

È dal 29 dicembre scorso, giorno delle dimissioni del sub commissario Maria Crocco, che la Calabria viaggia senza un supporto vitale all’interno dell’ufficio del commissario ad acta. Il decreto Calabria bis infatti prevede il rafforzamento della gestione con l’arrivo di due sub, ma i tempi anche stavolta sono stati biblici.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares