X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

REGGIO CALABRIA – Si è svolta in Questura, a Reggio Calabria, una riunione interforze per contrastare il fenomeno dei prelievi abusivi dell’acqua dalle condotte comunale.

«Le misure di contrasto, già avviate – spiega una nota del Comune – consistono, essenzialmente, nell’effettuazione di mirati controlli per individuare allacci o derivazioni abusive destinate al fraudolento prelievo ed utilizzo d’acqua potabile nonché ad avversare l’impiego del vitale liquido per usi diversi dal consumo umano. A distanza di qualche giorno dall’avvio degli interventi interforze coordinati dalla Questura, sono stati già individuati e denunciati penalmente alcuni trasgressori scoperti ad utilizzare l’acqua per l’irrigazione di coltivazioni».

I controlli, che proseguiranno per l’intero periodo estivo, «s’inseriscono – si legge infine – nel contesto delle azioni dirette a salvaguardare la disponibilità e la distribuzione dell’acqua potabile, destinata, prevalentemente, ad uso umano».

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA