X
<
>

Una prostituta

Tempo di lettura 2 Minuti

ROSARNO (REGGIO CALABRIA) – Riduzione in schiavitù ed induzione e sfruttamento della prostituzione in danno di una giovane connazionale. Con queste accuse agenti del Commissariato di Polizia di Gioia Tauro e della Squadra Mobile di Reggio Calabria ha arrestato, in flagranza di reato, un cittadino nigeriano, di Sunday Omorodion, di 42 anni.

L’uomo, in regola sul territorio nazionale in quanto richiedente asilo politico, avrebbe sequestrato e ridotto in stato di schiavitù una connazionale diciannovenne. Le indagini della Polizia erano scattate dopo una comunicazione della Questura di Campobasso, che segnalava a Rosarno, in un appartamento di via Carbonai, il luogo in cui era tenuta segregata una cittadina nigeriana, costretta a prostituirsi da un uomo che si faceva chiamare “lo Zio” e da una donna che rispondeva al nome di Silvia o “Madame”.

Da qui una serie di appostamenti, finalizzati a monitorare alcuni cittadini extracomunitari al fine di individuare le persone coinvolte nella vicenda. Individuato l’appartamento, gli agenti sono entrati trovando la ragazza, costretta a vivere in una stanza. Con lei c’erano altre tre donne, probabilmente dedite anch’esse alla prostituzione.

Tutte le donne sono state portate in commissariato dove la diciannovenne, con l’aiuto di un interprete, ha raccontato di essere stata portata in Italia e che 15 giorni addietro, mentre si trovava in un centro di accoglienza di Vasto, in Abruzzo, è stata prelevata dallo “Zio” e da “Madame”. I due, dopo averla caricata in macchina, l’hanno portata a Rosarno, dove è stata segregata e costretta a prostituirsi con delle persone di colore.

Il ricavato dello sfruttamento sessuale della donna nigeriana veniva consegnato all’uomo che accampava il diritto di recuperare così la somma di circa 20.000 spesa per consentire alla giovane donna nigeriana di arrivare clandestinamente in Italia. La vittima viveva in uno stato di degrado assoluto.

Nel corso della perquisizione sono stati rinvenuti profilattici, telefoni cellulari e 600 euro circa in contanti. La ragazza, dopo aver ricevuto l’assistenza e le cure del caso, è stata collocata in una struttura protetta che le consentirà di ritornare a vivere condizioni di vita normali. 

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA