Le armi ed i soldi sequestrati

Tempo di lettura < 1 minuto

REGGIO CALABRIA – Sono stati trovati in possesso di due pistole con matricola abrasa, 120 cartucce e denaro contante per 235mila euro. Per questo, i carabinieri del Nucleo radiomobile di Reggio Calabria hanno arrestato per detenzione di armi clandestine i reggini Giuseppe Fabio Giumbo, 38enne impiegato già noto alle forze dell’ordine, Giada Santoro, 32enne impiegata e già noto, convivente di Giumbo, e Demetrio Zema, 57enne imprenditore incensurato.

La scoperta è avvenuta nel corso di una perquisizione in un locale in uso ai tre. In particolare, nell’ambito di un controllo all’esercizio pubblico a Gallico Superiore, nel perquisire un locale, i militari dell’arma hanno rinvenuto due pistole, una nascosta all’interno di un cassetto di una scrivania di Zema e l’altra, insieme con circa 120 cartucce e con il denaro, all’interno di una cassaforte ad esclusivo utilizzo di Giumbo e Santoro, proprietari dell’immobile già titolari della licenza dell’esercizio pubblico.

I tre sono stati dichiarati in arresto, con Santoro posta ai domiciliari.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •