La piantagione scoperta a Sant'Ilario

Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto

REGGIO CALABRIA – Due piantagioni di canapa indiana sono state scoperte nel Reggino. In particolare, dopo le oltre 6mila piante distrutte tra il 2018 ed il 2019, i carabinieri di Sant’Ilario dello Jonio, assieme ai colleghi Cacciatori di Vibo, hanno rinvenuto in un’area demaniale di contrada Cardesi, occultata all’interno della fitta vegetazione, una piazzola adibita a coltivazione di canapa indiana, composta da oltre 300 piante, tutte già con infiorescenze e di altezza compresa tra i 90 e i 200 centimetri. Lo stupefacente trovato è stato distrutto sul posto, come disposto dall’autorità giudiziaria.

La seconda scoperta è stata compiuta sempre dai carabinieri che hanno arrestato a Reggio Calabria Giovanni Bucolia, di 56 anni, con l’accusa di coltivazione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente detenzione abusiva di munizionamento.

Bucolia, che ha precedenti di polizia, è stato sorpreso dai militari, che hanno operato con il supporto dei Cacciatori di Calabria, all’interno di una piantagione composta da quasi 50 fusti di canapa indica e dotata di un articolato sistema di irrigazione a goccia. Successivamente, nel corso di una perquisizione in casa dell’uomo i carabinieri hanno trovato oltre 90 cartucce nascoste in una busta di nylon e sistemate all’interno di un secchio. La droga e le munizioni sono state poste sotto sequestro.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •