X
<
>

Un'aula scolastica

Tempo di lettura 2 Minuti

CAULONIA (REGGIO CALABRIA) – L’autunno 1953 segna la nascita della nuova cittadina di Caulonia Marina. Bonificata l’area tra le fiumare Allaro ed Amusa, adiacenti la strada statale 106, a ridosso della barriera della rete ferroviaria, meno di un anno prima avevano preso avvio i lavori per la realizzazione delle case che avrebbero dovuto accogliere gli sfollati del centro storico e delle borgate e frazioni montane.

Assieme alla realizzazione degli edifici per civili abitazioni anche la chiesa (inaugurata quel novembre 1953) e l’edificio scolastico. Edificio scolastico che nel tempo è stato sottoposto a rimaneggiamenti, modifiche ed ampliamenti. La frazione Marina negli anni è andata sempre più ampliandosi, e con essa anche l’esigenza di nuovi e più ampi servizi.

Cosicchè anche il vecchio edificio scolastico si è rivelato non adeguato alle nuove normative al punto che si è reso necessario procedere alla realizzazione di una nuova scuola atta ad ospitare gli alunni delle scuola primaria. Non solo, anche l’edificio della scuola media inferiore risulta inadeguato, in atto è ospitata nell’edificio rimaneggiato di quello che fu l’ufficio del Registro, adiacente l’oratorio.

Ebbene, tra qualche giorno, proprio alla vigilia dell’avvio del nuovo anno scolastico, lo storico edificio delle elementari di Via Corrado Alvaro andrà demolito. Su quel suolo sarà realizzato uno nuovo, conforme alla normativa e più consono allo sviluppo urbanistico e sociale della cittadina. I lavori sono già stati appaltati ed a breve avranno inizio i lavori di demolizione dell’esistente. Intanto, sono in fase di realizzazione i lavori per la nuova palestra scolastica, mentre gli uffici comunali competenti sono impegnati nella redazione degli atti propedeutici alla esecutività del progetto per la nuova scuola media.

I ragazzi, almeno per il nuovo anno scolastico, frequenteranno le aule di piazza Sant’Antonio. Invece i bambini delle elementari (scuola primaria) saranno dislocati in aule di fortuna, allocate in diversi edifici comunali appositamente riadattati (ostello della gioventù, Auditorium Casa della Pace Angelo Frammartino, ex-pretura in via nazionale ed ex-pretura in Viale Magna Grecia).

Anche gli alunni delle elementari e gli studenti della scuola media del capoluogo saranno destinati in aule riadattate del polivalente di Via Roma, dal momento che anche l’edificio in Via Fiume, realizzato negli anni ‘60 e malamente rimaneggiato negli anni, è interessato da lavori di messa in sicurezza.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA