X
<
>

Il carcere di Locri

Tempo di lettura < 1 minuto

BIANCO (REGGIO CALABRIA) – Un 29enne di Bianco, nella città metropolitana di Reggio Calabria, è stato arrestato dopo che i carabinieri hanno trovato un arsenale nella sua stalla per gli animali.

Nell’operazione, scattata alle prime luci, i carabinieri della stazione di Bruzzano Zeffirio e i “cacciatori di Calabria” hanno trovato cinque fucili, un revolver e quasi 200 munizioni di vario calibro. Il giovane è stato portato nel carcere di Locri, in attesa dell’udienza di convalida. Dovrà ora rispondere dei reati di ricettazione e detenzione illecita di armi e munizioni.

L’uomo inizialmente si era dimostrato tranquillo, ripetendo in più occasioni di non avere nulla da nascondere e di limitarsi a fare l’allevatore. La preoccupazione, però, è aumentata decisamente quando i militari, dopo aver controllato l’abitazione, hanno passato al setaccio la stalla e il capannone adiacenti.

I risultati, appunto, non si sono fatti attendere: dentro un contenitore in alluminio, non distante da mucche e capre, i carabinieri hanno trovato un fucile e alcune munizioni. Poi nel fienile, nascosti tra i covoni di paglia, sono stati trovati altri due fucili.

In un capannone poco distante c’erano altre munizioni, mentre una pistola, due fucili e munizioni erano in una vecchia cisterna arrugginita. Le armi, quasi tutte con matricola abrasa e in buono stato di conservazione, sono state sequestrate.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares