X
<
>

Il tribunale di Reggio Calabria

Condividi:

REGGIO CALABRIA – Dopo più di cinque anni di carcere è tornato a casa e va ai domiciliari l’avvocato Giorgio De Stefano, uno dei due principali imputati del maxi-processo “Gotha”, condannato in secondo grado a 15 anni e 4 mesi di carcere.

Lo ha deciso la Corte d’appello di Reggio Calabria per questioni di età, in quanto ultrasettantenne, e per connesse ragioni di salute accogliendo l’istanza degli avvocati Giovanni De Stefano e Paolo Tommasini.

In attesa della Cassazione, quindi, Giorgio De Stefano continuerà a scontare la sua pena agli arresti domiciliari.

Per la Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, gli avvocati Giorgio De Stefano e Paolo Romeo, quest’ultimo a luglio condannato in primo grado a 25 anni di reclusione, sono le due teste pensanti della ‘ndrangheta reggina. I pm hanno ha definito De Stefano un soggetto «riservato» della ‘ndrangheta e
«il motore immobile del sistema criminale» che ha governato Reggio Calabria.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA