X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

REGGIO CALABRIA – La Guardia di Finanza di Reggio Calabria ha sequestrato beni per oltre 1 e mezzo di euro nell’ambito di un’indagine per truffa aggravata nella gestione di un centro di accoglienza per migranti e bancarotta fraudolenta.

I finanzieri del Comando provinciale, con il coordinamento della locale Procura della Repubblica, hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo in via d’urgenza di quote sociali e dell’intero patrimonio aziendale di due società, la ‘Ma.Co. Costruzioni S.r.l.’ e la ‘cooperativa sociale Le Rasole’, e di due unità immobiliari a Reggio Calabria, per un valore complessivo di 1,1 milioni di euro. Con lo stesso provvedimento è stato disposto il sequestro per equivalente di beni che “costituiscono il profitto dei reati tributari”, contestati a quattro indagati, per un importo complessivo di 443.583 euro.

«La vicenda – spiega la Guardia di Finanza in una nota – trae origine da una precedente attività investigativa del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Reggio Calabria “in materia di reati fallimentari e fiscali che ha riguardato due società, ‘I Picari S.r.l.’ e ‘Termoidea S.r.l.’, al termine della quale sono state denunciate 12 persone».

Dalle indagini, eseguite con la ricostruzione documentale e dei connessi flussi finanziari sottostanti alle diverse vicende che hanno portato al fallimento delle imprese, sarebbe emersa l’esistenza di una società di fatto riconducibile a due degli indagati, i quali, spiegano gli investigatori, “anche attraverso l’interposizione fittizia di terzi soggetti, hanno posto in essere operazioni societarie e immobiliari con chiare finalità fraudolente”.

Nel dettaglio, sono state segnalate all’Autorità Giudiziaria 7 persone per i reati di appropriazione indebita, truffa aggravata, riciclaggio, emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Una delle società coinvolta nelle indagini, la società cooperativa ‘Le Rasole’, aveva gestito fino al 2013 un centro di accoglienza per migranti e richiedenti asilo a Rogliano, successivamente a quell’anno non più operativo.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares