Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 Minuti

GIOIA TAURO – A volte i destini della vita di un uomo hanno strani intrecci e casualità. E’ quello che è accaduto ad un uomo di 54 anni di nazionalità albanese: Aviaj Qauml venuto in Calabria con la sua famiglia per partecipare al matrimonio della figlia che è svolto sera di sabato in un noto locale di Galatro nella Piana di Gioia Tauro. Dopo la cerimonia e la relativa festa l’uomo con tutta la sua famiglia: la moglie, una cognata ed un’altra figlioletta a bordo di una Fiat Punto ha cercato di fare ritorno nel Vibonese dove aveva alloggio in un hotel.

Ma giunto allo svincolo dell’A2 di Rosarno anziché imboccare l’autostrada verso nord per andare a Vibo per errore si è diretto verso sud proseguendo in direzione Gioia Tauro. Pensava di tornare indietro proprio allo svincolo della città del porto, ma giunto al chilometro 391 + 600 la sua auto è stata violentemente tamponata intorno alle ore 2 e 50 di notte da una Wolksvagen Golf condotta da un giovane di San Eufemia d’Aspromonte Jonathan Larizza di 23 anni. Un impatto tremendo la cui dinamica che resta ancora da chiarire.

L’urto, forse causato da un tentativo di sorpasso, ha fatto perdere aderenza alla Grande Punto che è sbandata finendo con una micidiale traiettoria nella vicina cunetta ai margini della carreggiata e qui nonostante il tentativo di frenata, per la velocità di trascinamento, si è ribaltata non lasciando scampo al conducente. Fortunatamente quasi illesi gli altri viaggiatori ad eccezione di una donna, la cognata quarantaquattrenne del conducente dapprima trasportata presso l’ospedale di Polistena e poi, per maggiori accertamenti, presso gli ospedali Riuniti di Reggio Calabria. Anche la moglie e la figlioletta sono rimaste ferite e sono ricoverate a Polistena ma non versano in gravi condizioni.

Praticamente quasi illeso il conducente della Golf che ha riportato solo piccole escoriazioni. Sul posto, per i rilievi del caso, sono prontamente intervenute pattuglie della Polstrada di Palmi coordinate dall’Ispettore Superiore Francesco Tringali e dall’Soprintendete Rosario Versace, un distaccamento dei Vigili del Fuoco di Palmi i sanitari del Suem 118 di Gioia Tauro e Polistena che hanno soccorso i feriti e constatato la morte del conducente della Grande Punto.

Larizza è stato sottoposto al test alcolimetro che ha dato riscontri negativi anche se la la Stradale ha chiesto ai sanitari di Polistena ulteriori accertamenti. La salma di Avdiaj Qaiml è stata composta nella sala mortuaria dell’ospedale di Polistena a disposizione del Pm di turno che dovrà decidere se sottoporla ad esame autoptico. I suoi parenti si chiedono se l’incidente si sarebbe verificato lo stesso andando incontro alla morte se l’uomo non avesse imboccato erroneamente la direzione dell’A2.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •