X

Tempo di lettura 2 Minuti

ROMA – Si è conclusa a Biel/Benne, in Svizzera, la latitanza di Roberto Pisano, 41enne di Gioia Tauro. Grazie al coordinamento tra il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia della Direzione Centrale della Polizia Criminale e del Comando Provinciale dei Carabinieri di Reggio Calabria, il ricercato è stato arrestato nel Canton Berna dopo un breve periodo di latitanza.

Le operazioni sono state coordinate dall’Ufficio Federale di Giustizia e dall’Ufficio Federale di Polizia (FEDPOL), coadiuvati sul territorio dalla Polizia Cantonale di Berna.

Pisano deve scontare un cumulo di pene residue di 8 anni e 7 mesi, relativo a condanne passate per stupefacenti, minacce ed altro. Pisano in passato, si legge in una nota, è stato denunciato e condannato ripetutamente per vari reati contro il patrimonio, nonchè sottoposto a misure di prevenzione per la sua vicinanza alla criminalità organizzata del reggino, in particolare le cosche Piromalli-Molè di Gioia Tauro.

Dal 24 giugno la cooperazione internazionale di polizia con la Svizzera ed altri 9 Paesi di quattro continenti, è più forte grazie all’avvio del Progetto I CAN (Interpol Cooperation Against ‘ndrangheta), una strategia di attacco globale alla ‘ndrangheta fortemente voluta dall’Italia e personalmente sostenuta dal Prefetto Vittorio Rizzi, Direttore Centrale della Polizia Criminale attraverso il Servizio di Analisi Criminale e il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia.

Gli altri Paesi coinvolti nel progetto, patrocinato dall’Italia sotto l’egida dall’Organizzazione Internazionale della Polizia Criminale – Interpol, sono l’Argentina, l’Australia, il Brasile, il Canada, la Colombia, la Francia, la Germania, gli Stati Uniti, e l’Uruguay.

L’uomo, in Svizzera, conviveva con la moglie e lavorava come cameriere e pizzaiolo presso un’osteria del posto e continuava a mantenere contatti con i propri familiari. Al termine delle formalità di rito, è stato messo a disposizione dell’Autorità giudiziaria Svizzera ed è in attesa di formale estradizione in Italia con richiesta già inoltrata dal Ministero della Giustizia italiano.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares