X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

REGGIO CALABRIA – Scattata stamattina all’ alba l’operazione Pedigree 2. Su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, cinque provvedimenti di fermo sono stati eseguiti in riva allo Stretto e in Trentino-Alto Adige dalla polizia di stato e dei carabinieri del Ros nei confronti di presunti elementi di vertice, luogotenenti e affiliati alla cosca Serraino della ‘ndrangheta.

Ai cinque fermati il procuratore Giovanni Bombardieri e il sostituto della Dda Stefano Musolino contestano l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso.

I carabinieri del Ros di Reggio Calabria e Trento e gli agenti della squadra mobile reggina hanno eseguito anche numerose perquisizioni e il sequestro di un esercizio commerciale. Contestualmente è in corso, in coordinamento investigativo, una corrispondente operazione coordinata dalla Dda di Trento nell’ambito di un’indagine che ha consentito ai carabinieri di accertare l’esistenza e l’operatività di una locale di ‘ndrangheta con influenza sull’intera provincia trentina.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares