X
<
>

La bisca sequestrata

Tempo di lettura < 1 minuto

BIANCO (REGGIO CALABRIA) – I carabinieri hanno scoperto una bisca clandestina in un appartamento di Bianco, denunciando il responsabile per esercizio di giochi d’azzardo, S.M., di 31 anni, e sanzionando tutti e 14 gli avventori per assembramento in violazione delle norme Covid-19.

Tavolo da gioco, fiches, carte, strumentazione professionale, persino un flipper e un bar ben fornito. C’era proprio tutto nell’appartamento al piano terra in centro a Bianco dove i carabinieri sono intervenuti domenica scorsa, scoprendo una vera e propria bisca clandestina. Nei giorni precedenti i militari si erano accorti di un viavai sospetto dalla casa, decisamente eccessivo per un piccolo paesino come Bianco.

Una volta entrati all’interno, hanno poi notato quattordici persone, alcune delle quali hanno cercato di scappare, molte delle quali sedute attorno al tavoliere intente a giocare a poker. Tra gli avventori, anche molte persone provenienti dai paesi limitrofi, come Africo, San Luca e Bovalino, tutti con in tasca molto denaro, dai 100 agli oltre 1.700 euro.

Il responsabile è stato quindi denunciato alla Procura della Repubblica di Locri e dovrà rispondere del reato di esercizio di giochi d’azzardo. Tutti i presenti, infine, sono stati sanzionati amministrativamente per l’assembramento che avevano formato, in violazione della normativa di contenimento del contagio da covid-19.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA